Ortografia clàssiga Monti

De Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
Lumbaart ucidentaal Chest artícol al è scrivuu in Ticinés, ortografía Clàssega del Monti
Flag of Canton of Tessin.svg


L'Ortografia clàssiga Monti a l'è un tip d'ortografia clàssiga, pareja da la Milanesa clàssiga, drovada int al vocabolari [1] dal Pietro Monti

I nôrm dal vocabolari[<small>Mudifega</small> | mudìfica 'l sorgènt]

XLV
AVVERTENZA
PER LA PRONUNCIA DELLE VOCI VERNACOLE DEL PRESENTE VOCABOLARIO

Àa, èe, ìi, òo, ùu, in fine di parola, se hanno, come qui, segnato l'accento sulla vocale penultima, si pronunciano come una sola, ma con suono prolungato, per es. stàa, state; stèe, stajo; finii, finito; fòo, faggio; cazùu, romajuolo.

Due consonanti in fine di parola si pronunciano come una sola, ma con suono pure prolungato, per es. ciapinn, foletto; cilànn, scioccone; vernìss, vernice; brùss, bruciaticcio.

La vocale accentuata in fine di parola, e anche seguita da consonante, si pronuncia con suono forte e preciso; per es. stà, stare; finì, finire; ciôn, ciacco; cièm, acido; ciarit, lucciole.

L'œu dittongo si pronuncia come in francese i dittonghi eu ed œu; per esempio; chiroèur, nocciuola; moèul, molo.

L'ô col punto circonflesso sopra, si pronuncia aperto e con forza, come il primo o nelle voci fuoco, arrosto. Se non ha il punto si pronuncia chiuso, come nelle voci tondere, forno.

L'ê col punto circonflesso sopra, si pronuncia aperto e con forza, come nelle voci guerra, terra. Se manca del punto si pronuncia chiuso, come nelle voci fede, crede.

L'u si pronuncia sempre aperto, come usano i Francesi e Lombardi pronunciarlo.

Per lu toscano a noi serve lo chiuso.

Sc in fine di parola si pronunciano con certo sibilo come in italiano nelle voci sc-iame, sc-ena, lasc-io; per es. lasc, laccio; besasc, sucido.

Cc in fine di parola si pronunciano come in italiano nelle voci ecc-itare, ladronecc-io; per es. lacc, latte; quacc, quaglio; lôcc, fandonie.

Gg in fine di parola si pronunciano con suono schiacciato, come nelle voci italiane magg-io, beveragg-io; che noi diciamo magg, beveragg.

Ch in fine di parola si pronuncia come il ch del verso di Dante: non avria pur dall'orlo fatto crich.

Seguii questa ragione di scrivere, che in parte si diversifica da quella generalmente adottata, per evitare quanto all'o ed all'e aperti la noja di sempre avvertirne il lettore, e quanto ad altre lettere a meglio esprimerne il suono. E premetto, in grazia dei non Lombardi, codesta Avvertenza, senza cui è impossibile che il forestiere pronunzii bene il più delle voci.

Esempi de l'ortografia drovada dal Monti[<small>Mudifega</small> | mudìfica 'l sorgènt]

On ôm l'àa biùu dùu fioèu.
E ol più giovan da lor l'àa dìi al sô pàdar: pà, dam la part dala sostanza, che me toca. E lùu al gàa spartii foèu la sostanza.
E dopo minga tanti dìi, metùu insèma tut i soèu rôb, el fioèu più giòvan l'è andàa foèu dala patria in on paès lontan; e lì l'àa butàa via el fat sô baracand[2].

Referenz[<small>Mudifega</small> | mudìfica 'l sorgènt]

  1. Vocabolario dei dialetti della città e diocesi di Como : Con esempi e riscontri di lingue antiche e moderne / di Pietro Monti. - Milano : dalla Società Tipografica de' Classici Italiani, 1845
  2. ibidem, pag. 422