Dialett istrian

De Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
Lumbard ucidental Quest articol chì l'è scrivuu in lombard, grafia milanesa.

El dialett istrian a l'è ona variant de la lengua veneta.

Difusion e caratteristegh[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

L'istrian a l'è parlaa in di region de l'Istria e de la Dalmazia (Italia, Slovenia e Croazia) e in di comunità di esiliaa italian in gir per l'Italia (per esempi Triest, Turin, Milan, Genova e Roma) e per el mond (Australia, Canada, Statt Unii).
Lenguisticament, a se pò dì che l'è ona variant del venet colonial, cioè quei parlà veneti nassuu per via de l'influenza veneziana, che despess hann scasciaa via i vegg lengov neolatinn che esisteven prima. In Istria e in Dalmazia, per esempi, el veneto l'ha portaa a l'estinzion del dalmategh e al redimensionament de l'istriota.
L'istrian l'è ben assee compagn del dialett triestin, e despess i dò parlad vegnen tegnuu insemma cont el nomm de dialett giulian. Compagn de lù, per via de la dominazion austriega e ungheresa, l'istrian el gh'ha 'vuu di bei influenz de alter lengov: in tra quest a poeudom cuntà el todesch, l'ungheres (soratutt a Fiumm) e, soratutt, el sloven e 'l croatt.
On esempi tipegh de dialett istrian (per vess pussee precis, dalmata cont ona quai influenza de l'italian) a l'è 'l descors cognossuu 'me Ti con nu, nu con ti.
In tra i caratteristegh pussee important a poeudom trovà:

  • La gh'è nò la <ł>, cioè la "L" tipega de la parnonzia veneziana.
  • Elision de la [d] intervocalega in di particippi passaa (compagn del venezian rustegh):
    • venezian stade, istrian stàe.
  • Compagn del venezian, in certi temp verbai la II persona singolar a l'è compagna de la III persona singolar:
    • ven. ti ti xe; istr. ti te xe.
  • A segonda di zonn, a gh'è el passagg de [ts], [dz] a [s] e [z], o la sò conservazion.
    • Capodistria sinque, Fiumm zinque.

I verb in fiuman[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Verb vess[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi son, ti ti xe, lu el xe, noialtri semo, voialtri sè, lori i xe.
  • Indicativ imperfett: mi (j)ero, ti ti (j)eri, lu l'era/el jera, noialtri (j)erimo, voialtri (j)eri, lori i (j)era.
  • Indicativ futur: mi sarò, ti ti sarà, lu el sarà, noialtri saremo, voialtri sarè, lori i sarà.
  • Congiuntiv present: che mi sii, che ti ti sii, che lu el sia, che noialtri semo, che voialtri sè, che lori i sia
  • Congiuntiv imperfett: che mi fossi, che ti ti fossi, che lu el fosse, che noialtri fossimo, che voialtri fossi, che lori i fosse.
  • Condizional present: mi sario, ti ti sari/saressi, lu el saria/sarebe, noialtri sarimo/saressimo, voialtri sarii/saressi, lori i saria/sarebe.
  • Infinii present: ésser.
  • Particippi passaa: stà/stado, stada (pl. stài/stadi, stade).

Verb avèggh[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi go, ti ti ga, lu el ga, noialtri gavemo, voialtri gavè, lori i ga.
  • Indicativ imperfett: mi gavevo, ti ti gavevi, lu el gaveva, noialtri gavevimo, voialtri gavevi, lori i gaveva.
  • Indicativ futur: mi gavarò, ti ti gavarà, lu el gavarà, noialtri gavaremo, voialtri gavarè, lori i gavarà.
  • Congiuntiv present: che mi gabia/gabi, che ti gabi, che lu el gabia/gabi, che noialtri gavemo, che voialtri gavè, che lori i gabia/gabi.
  • Congiuntiv imperfett: che mi gavessi, che ti ti gavessi, che lu el gavesse/gavessi, che noialtri gavessimo, che voialtri gavessi, che lori i gavesse/gavessi.
  • Condizional present: mi gav(a)rio, ti ti gav(a)rii/gavaressi, lu el gav(a)ria, noialtri gav(a)rimo/gavaressimo, voialtri gav(a)rii/gavaressi, che lori i gav(a)ria.
  • Infinii present: gavèr.
  • Particippi passaa: avù/avudo, avuda (pl. avui/avudi, avude).

I coniugazion[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi ciapo, ti ti ciapi, lu el ciapa, noialtri ciapemo, voialtri ciapè, lori i ciapa.
  • Indicativ imperfett: mi ciapavo, ti ti ciapavi, lu el ciapava, noialtri ciapavimo, voialtri ciapavi, lori i ciapava.
  • Indicativ futur: mi ciaparò, ti ti ciaparà, lu el ciaparà, noialtri ciaparemo, voialtri ciaparè, lori i ciaparà.
  • Congiuntiv present: che mi ciapo, che ti ti ciapi, che lu el ciapa, che noialtri ciapemo, che voialtri ciapè, che lori i ciapa.
  • Congiuntiv imperfett: che mi ciapassi, che ti ti ciapassi, che lu el ciapassi, che noialtri ciapassimo, che voialtri ciapassi, che lori i ciapassi.
  • Condizional present: mi ciapario, ti ti ciaparii/ciaparessi, lu el ciaparia, noialtri ciaparimo/ciaparissimo, voialtri ciaparii/ciaparessi, lori i ciaparia.
  • Infinii present: ciapar.
  • Particippi passaa: ciapà/ciapado, ciapada (pl. ciapài/ciapadi, ciapade).

II coniugazion[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi so, ti ti sa, lu el sa, noialtri savemo, voialtri savè, lori i sa.
  • Indicativ imperfett: mi savevo, ti ti savevi, lu el saveva, noialtri savevimo, voialtri savevi, lori i saveva.
  • Indicativ futur: mi saverò, ti ti saverà, lu el saverà, noialtri saveremo, voialtri saverè, lori i saverà.
  • Congiuntiv present: che mi sapi(a), che ti ti sapi(a), che lu el sapi(a), che noialtri savemo, che voialtri savè, che lori i sapi(a).
  • Congiuntiv imperfett: che mi savessi, che ti ti savessi, che lu el savesse, che noialtri savessimo, che voialtri savessi, che lori i savesse.
  • Condizional present: mi saveria, ti ti saveria/savaressi, lu el saveria, noialtri saverimo/savaressimo, voialti saveria/savaressi, lori i saveria.
  • Infinii present: savèr.
  • Particippi passaa: savù/savudo, savuda (pl. savùi/savudi, savude).

III coniugazion[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi vedo, ti ti vede, lu el vede, noialtri vedemo, voialtri vedè, lori i vede.
  • Indicativ imperfett: mi vedevo, ti ti vedevi, lu el vedeva, noialtri vedevimo, voialtri vedevi, lori i vede.
  • Indicativ futur: mi vederò, ti ti vederà, lu el vederà, noialtri vederemo, voialtri vederè, lori i vederà.
  • Congiuntiv present: che mi vedo, che ti ti vedi, che lu el vedi, che noialtri vedemo, che voialtri vedè, che lori i vedi.
  • Congiuntiv imperfett: che mi vedessi, che ti ti vedessi, che lu el vedessi, che noialtri vedessimo, che voialtri vedessi, che lori i vedessi.
  • Condizional present: mi vederio, ti ti vederii/vedaressi, lu el vederio, noialtri vederimo/vedaressimo, voialtri vederii/vederessi, lori i vederia.
  • Infinii present: vèder.
  • Particippi passaa: vedù/vedudo, veduda (pl. vedùi/vedudi, vedude).

IV coniugazion[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi tegno, ti ti tien, lu el tien, noialtri tegnimo, voialtri tegnì, lori i tien.
  • Indicativ imperfett: mi tegnivo, ti ti tegnivi, lu el tegniva, noialtri tegnivimo, voialtri tegnivi, lori i tegniva.
  • Indicativ futur: mi tegnirò, ti ti tegnirà, lu el tegnirà, noialtri tegniremo, voialtri tegnirì, lori i tegnirà.
  • Congiuntiv present: che mi tegno/tengo, che ti ti tenghi, che lu el tenghi, che noialtri tenimo, che voialtri tenì, che lori tenghi.
  • Congiuntiv imperfett: che mi tenissi, che ti ti tenissi, che lu el tenisse, che noialtri tenissimo, che voialtri tenissi, che lori i tenisse.
  • Condizional present: mi tegnirio, ti ti tegnirii/tegniressi, lu el tegniria, noi tegnirimo/tegniressimo, voialtri tegnirii/tegniressi, lori i tegniria.
  • Infinii present: tegnir.
  • Particippi passaa: tegnù/tegnudo, tegnuda (pl. tegnùi/tegnudi, tegnude).

Verb andà[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi vado, ti ti va, lu el va, noialtri andemo, voialtri andè, lori i va.
  • Indicativ imperfett: mi andavo, ti ti andavi, lu l'andava, noialtri andavimo, voialtri andavi, lori i andava.
  • Indicativ futur: mi andarò, ti ti andarà, lu l'andarà, noialtri andaremo, voialtri andarè, lori i andarà.
  • Congiuntiv present: che mi vado, che ti ti vadi, che lu el vadi, che noialtri andemo, che voialtri andè, che lori i vadi.
  • Congiuntiv imperfett: che mi andassi, che ti ti andassi, che lu l'andassi, che noialtri andassimo, cha voialtri andassi, che lori i andassi.
  • Condizional present: mi andario, ti ti andarii/andaressi, lu l'andaria, noialtri andarimo/andaressimo, voialtri andarii/andaressi, lori i andaria.
  • Infinii present: andar.
  • Particippi passaa: andà/andado, andada (pl. andài/andadi, andade).

Verb toeu[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi ciogo, ti ti ciol, lu el ciol, noialtri ciolemo, voialtri ciolè, lori i ciol.
  • Indicativ imperfett: ...
  • Indicativ futur: mi ciolerò, ti ti ciolerà, lu el ciolerà, noialtri cioleremo, voialtri ciolerè, lori i ciolerà.
  • Congiuntiv present: che mi ciogo, che ti ti cioghi, che lu el cioga, che noialtri ciolemo, che voialtri ciolè, che lori i cioga.
  • Congiuntiv imperfett: ...
  • Condizional present: mi ciorio, ti ti ciorii/cioressi, lu el cioria, noialtri ciorimo/cioressimo, voialtri ciorii/cioressi, lori i cioria.
  • Infinii present: cior.
  • Particippi passaa: ciolto, ciolta (pl. ciolti, ciolte).

Verb dà[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi dago, ti ti da, lu el da, noialtri demo, voialtri dè, lori i da.
  • Indicativ imperfett: mi davo, ti ti davi, lu el dava, noialtri davimo, voialtri davi, lori i dava.
  • Indicativ futur: mi darò, ti ti darà, lu el darà, noialtri daremo, voialtri darè, lori i darà.
  • Congiuntiv present: che mi daghi, che ti ti daghi, che lu el daga/daghi, che noialtri demo, che voialtri dè, che lori i daga/daghi.
  • Congiuntiv imperfett: che mi dassi, che ti ti dassi, che lu el dasse/dassi, che noialtri dassimo, che voialtri dassi, che lori i dasse/dassi.
  • Condizional present: mi dario, ti ti darii/daressi, lu el daria, noialtri darimo/daressimo, voialtri darii/daressi, lori i daria.
  • Infinii present: dar.
  • Particippi passaa: dà/dado, dada (pl. dài/dadi, dade).

Verb dì[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi digo, ti ti dixi, lu el dixe, noialtri dixemo, voialtri dixè, lori i dixe.
  • Indicativ imperfett: mi dixevo, ti ti dixevi, lu el dixeva, noialtri dixevimo, voialtri dixevi, lori i dixeva.
  • Indicativ futur: mi dirò, ti ti dirà, lu el dirà, noialtri diremo, voialtri dirè, lori i dirà.
  • Congiuntiv present: che mi digo, che ti ti dighi, che lu el diga, che noialtri dixemo, che voialtri dixè, che lori i diga.
  • Congiuntiv imperfett: ...
  • Condizional present: mi dirio, ti ti dirii/diressi, che lu el diria, che noialtri dirimo/diressimo, che voialtri dirii/diressi, che lori i diria.
  • Infinii present: dir.
  • Particippi passaa: dito/deto, dita/deta (pl. diti/deti, dite/dete).

Verb fà[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi fazo, ti ti fa, lu el fa, noialtri femo, voialtri fè, lori i fa.
  • Indicativ imperfett: mi fazevo, ti ti fazevi, lu el fazeva, noialtri fazevimo, voialtri fazevi, lori i fazeva.
  • Indicativ futur: mi farò, ti ti farà, lu el farà, noialtri faremo, voialtri farè, lori i .farà
  • Congiuntiv present: che mi fazo, che ti ti fazi, che lu el fazi, che noialtri femo, che voialtri fè, che lori i fazi.
  • Congiuntiv imperfett: che mi fazessi, che ti ti fazessi, che lu el fazesse/fazessi, che noialtri fazessimo, che voialtri fazessi, che lori i fazesse/fazessi.
  • Condizional present: mi fario, ti ti farii/faressi, lu el faria, noialtri farimo/faressimo, voialtri farii/faressi, lori i faria.
  • Infinii present: far.
  • Particippi passaa: fato, fata (pl. fati/fate).

Verb podè[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi posso, ti ti pol, lu el pol, noialtri podemo, voialtri podè, lori i pol.
  • Indicativ imperfett: mi podevo, ti ti podevi, lu el podeva, noialtri podevimo, voialtri podevi, lori i podeva.
  • Indicativ futur: mi poderò, ti ti poderà, lu el poderà, noialtri poderemo, voialtri poderè, lori i poderà.
  • Congiuntiv present: che mi posso, che ti ti possi, che lu el possi, che noialtri podemo, che voialtri podè, che lori i possi.
  • Congiuntiv imperfett: che mi podessi, che ti ti podessi, che lu el podesse/podessi, che noialtri podessimo, che voialtri podessi, che lori i podesse/podessi.
  • Condizional present: mi poderio, ti ti poderii/poderessi, lu el poderia, noialtri poderimo/poderessimo, voialtri poderii/poderessi, lori i poderia.
  • Infinii present: poder.
  • Particippi passaa: podù/podudo, poduda (pl. podùi/podudi, podude).

Verb stà[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi stago, ti ti sta, lu el sta, noialtri stemo, voialtri stè, lori i sta.
  • Indicativ imperfett: mi stavo, ti ti stavi, lu el stava, noialtri stavimo, voialtri stavi, lori i stava.
  • Indicativ futur: mi starò, ti ti starà, lu el starà, noialtri staremo, voialtri starè, lori i starà.
  • Congiuntiv present: che mi stio, che ti ti stii, che lu el stia, che noialtri stemo, che voialtri stè, che lori i stia.
  • Congiuntiv imperfett: che mi stassi, che ti ti stassi, che lu el stasse/stassi, che noialtri stassimo, che voialtri stassi, che lori i stasse/stassi.
  • Condizional present: mi stario, ti ti starii/staressi, lu el staria, noialtri starimo/staressimo, voialtri starii/staressi, lori i staria.
  • Infinii present: star.
  • Particippi passaa: stà/stado, stada (pl. stài/stadi, stade).

Verb vorè[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi vojo, ti ti vol, lu el vol, noialtri volemo, voialtri volè, lori i vol.
  • Indicativ imperfett: mi volevo, ti ti volevi, lu el voleva, noialtri volevimo, voialtri volè, lori i voleva.
  • Indicativ futur: mi volerò, ti ti volerà, lu el volerà, noialtri voleremo, voialtri volerè, lori i volerà.
  • Congiuntiv present: che mi voja, che ti ti voja, che lu el voja, che noialtri volemo, che voialtri volè, che lori i voja.
  • Congiuntiv imperfett: che mi volessi, che ti ti volessi, che lu el volesse/volessi, che noialtri volessimo, che voialtri volessi, che lori i volesse/volessi.
  • Condizional present: mi vo(le)ria, ti ti vo(le)rii/voressi, lu el vo(le)ria, noialtri vo(le)rimo/voressimo, voialtri vo(le)rii/voressi, lori i vo(le)ria.
  • Infinii present: voler.
  • Particippi passaa: volù/voludo, voluda (pl. volùi/voludi, volude).

Esempi de dialett[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Ona novella del Boccasc[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Dialett de Lesina[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Mi pò ghe digo che al tenpo del primo re de Zipro, dopo che Gofredo de Bulion el ga conquistà la Tera Santa, xe nato che una pulita dona de de Guascogna se ga portà in pelegrinajo al S. Sepolcro da dove, quando la xe tornada e come la xe arivada a Zipro, xe stada da birbanti fuor de modo insultada. E de questo ela, tormentandose senza costruto, la ga pensà de andar lagnarse dal re; ma qualchedun ga dito che la perderia la fatiga, perchè lu jera de cossì bona pasta, che non solo no castigava come se doveva le insolenze che ghe jera fate ai altri, ma che inveze da vil soportava anche quele che a lu stesso i ghe fazeva: in tanto che chiunque gaveva qualche tormento, lo sfogava col farghe insolenza o maschera. Come la dona la ga intexo la cossa, persa la speranza de vendicarse, per consolarse ne la sua aflizion, la ga deziso de voler un poco tormentar el mixero re; e se ga portà a pianzer davanti a lu e ghe dixe: "Scior mio, mi no te vegno davanti perchè me aspeto de vendecarse de la injuria che me xe stada fata; ma per sodesfarme de quela, te prego che ti me insegni come ti ti sofri quele che xe fate a ti perchè, quando da ti inpararò, posso anche mi con pazienza soportar la mia; la quale (lo sa Idio) se me riesse, de cor de zederia, zà che ti xe coxì bon conpatidor".
El re, fin alora tartaruga e bon da gnente, come se 'l se resvejasse dal sono, cominziando da la injuria che la ghe jera fata a la dona, e che con rigor ga vendicà, senza conpassion perseguitava chiunque da quel tenpo cometeva qualche coxa contro l'onor de la sua corona.
Giovanni Papanti, I parlari italiani in Certaldo, 1875, pag. 603-604

Dialett de Sebenigh[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Digo dunque che ai tempi del primo re de Zipro, dopo che Gofredo de Buglion gaveva conquistà Tera Santa, xe nato che una gran signora de Guascogna xe andada in pelegrinagio al Santo Sepolcro e, tornando da de là, la xe arivada a Zipro, dove certi perfidi canaje l'ha insultada in una maniera assai bruta. Quela povera signora, tocada nel vivo, non la ghe podeva più da la rabia, e la s'ha pensà d'andarse a lagnar dal re. Ma i ga dito che 'l saria tempo perso perché 'l re jera tanto un trascurà e un bon da gnente, che no solo no 'l castigava le ofese dei altri, ma gnanca le propie; come un scempio 'l se le toleva su tute che jera propio una vergogna, tanto che se qualchedun gaveva uno sul naso, el se sfogava col farghene de le bele. Sentindo questo la signora, e vedendo che non ghe jera speranza de poderse vendicar, per consolarse in qualche modo la ga deziso de pizigarlo, 'sto ridicolo de re. Pianzendo la xe andada dunque da lu e ga dito: "Mio signor, vegno da ela no perché me aspeti che la me faza giustizia de l'ofesa che ho rizevudo, ma per pregarla che la me faza 'l piazer d'insegnarme come la fa ela a sorbirse in santa pase quele ch'ogni giorno, per quel che i dixe, ghe vien usae; cussì impararò anca mi a soportar con pazienza la mia; e Iddio sa! se podessi con che voja che ghe la regalarìa, a ela, che ga tanto bon stomego".
El re, che jera prima prima un zoco, a la fin ga 'verto i oci: el ghe l'ha fata pagar salada a quei ch'aveva insultado la signora, e da quel momento el s'ha messo i mustaci e l'ha scominzià a darghe adosso senza remission a quanti non rispetava l'onor de la sua corona.
ibidem, pag. 606-607

Dialett de Spalet[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Digo dunque che ai tenpi del primo re de Zipro, dopo la conquista de la Tera Santa fata da Gofredo de Buglion, xe acadudo che una gentildona de Guascogna la xe andada in pelegrinagio al Sepolcro, da dove tornando, arivada in Zipro, la xe stada da de le canaje vilanamente oltragiada; per la qual cossa dolendose più de quanto se pol dir, la s'ha pensà de ricórer al re. Ma i ga deto che saria fatiga butada via, perchè 'l re jera cossì un caìa e cossì un bon da gnente, che non solo nol puniva i torti fati ai altri, ma con vergognoxa debolezza el ghe ne sofriva senza numero de quei fati a lu proprio; in modo che ognun che gaveva la luna se la prendeva con lu, fazendoghe qualche afronto o insulto. Sentindo questo la dona, no sperando più d'aver giustizia, per rifarse la s'ha pensà de darghe al deto re una mustazzada; e, andada pianzendo da lu, la ghe dixe: "Signor, mi no vegno da ti perchè aspeto d'esser vendicada de l'ingiuria che i m'ha fato: ma solo te prego, in conpenso, de insegnarme come ti fa a sofrir quele che i te fa a ti; perchè, inparando da ti, mi possa tolerar con pazienza la mia, che Dio lo sa se, potendo, no te la donaria volentieri, vedendo che le soporti tanto ben".
El re, che fin alora jera stado come un stuco, quaxi se 'l se svejasse e scominziando dai insulti fati a quela dona (che l'ha vendicado teribilmente), el xe diventà un severissimo persecutor de ognun che fazesse qualche cossa contro l'onor de la sua corona.
ibidem, pag. 608

Dialett de Zara[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Digo dunque che ai tenpi del primo re de Zipro, dopo la conquista de Terasanta fata da Gofredo de Buglion, s'ha dado el caxo che una zentildona de Guascogna xe andada in pelegrinajo al Santo Sepolcro, da dove tornando, arivada che la xe a Zipro, de le canaje infami la ga vilanamente ofexa, e che ne la sua disperazion ghe xe vegnudo in testa de ricórer al re. Ma qualchedun ga dito che 'l saria tenpo perso, perchè 'l jera tanto un marzoco e bon da gninte che no solo nol castigava come se doveva le ofexe che rizeveva i altri, ma gnanca quele che i ghe fazeva a lu stesso e che 'l se ingiotiva la spuazza con una rassegnazion vergognoxa; de modo che tuti quei che gaveva qualche cossa che 'l ghe bruxava intel cor contra de qualchedun, i sfogava inveze in tute le maniere la sua rabia con lu. Sentindo questo la zentildona, e che no ghe jera nissuna speranza de vendeta, la s'ha pensado de farse corajo e de volerlo pónzer un poco per mandarlo avanti; e andada da lu pianzendo, la ga dito: "Maestà!, no son vegnuda zà per aver giustizia dei maltratamenti e de le ofexe soferte; ma perchè, in conpenso de queste, me insegnè come che soportè vu tute quele che sento che ogni giorno ve vien fate dai altri. E cussì inparando da vu el modo, me sorba in santa paxe anca mi quele che Idio sa con quanto piazer (se podessi) ve le zedaria a vu, zà che mostrè d'aver cussì un bon stomego".
El re, che fina alora jera stà ismatunìo e incantado a scoltarla, come che 'l se desmixiasse in quel momento dal sono, cominziando a castigar coi fiochi le ofexe fate a quela zentildona, el xe diventado un persecutor vergognoxo de tuti quei che da alora in avanti se fusse azardai de far cossa che podesse ofender l'onor de la sua corona.
ibidem, pag. 608-609

Dialett de Albona[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Digo donca che ai tenpi del primo re de Cipro, dopo che xe stada prexa la Tera Santa da Gofredo de Boglione, xe nato che una signora de Guascogna xe andada in pelegrinagio al Santo Sepolcro, e de là tornando, arivada a Cipro la xe stada da certe canaje de omeni tratada vilanamente; e per questo ela lagnandose, la ga stabilì de andar dal re. Ma ghe xe stà dito che 'l saria tenpo perso, perchè 'l jera un omo cossì timido e da gnente che no solamente nol ghe faceva giustissia ai altri per le ofexe che i riceveva, ma che ansi el strenxeva le spale a quele che i ghe faceva a lu con una rassegnassion vergognoxa; e cossì quei che gaveva qualche cossa contro qualchedun, i se sfogava col farghe qualche dispeto. Sentindo questo la signora, e vedendo che no la gaveva speransa de far vendeta in nissuna maniera, la ga pensà de farse coragio e de stussigarlo tocandolo sul vivo. E, andanda da lu pianxendo, la ga dito: "Sior mio, mi no vegno da vu perchè me fè giustissia de le ofexe che me xe stàe fàe: ma perchè, in conpenso de quele, me insegnè come che vu soportè quele che, per quanto me xe stà dito, i ve fa ogni giorno. E cossì inparando da vu, podarò soportar con passiensa le mie, che Dio sa con quanto gusto, se podessi, ve le cedaria a vu, che savè tegnerle cossì ben".
El re, che sin a quel momento jera inzuchìo e pegro, el s'ha svejà come dal sono; cominciando a castigar con rigor le ofexe che i ga fato a quela signora, e dopo el xe deventà inexorabile con tuti quei che da quel momento in avanti i se avessi axardà de far qualunque picola cossa che podesse tocar l'onor de la sua corona.
ibidem, pag. 611

Dialett de Capodistria[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Ve conto donca che ai tenpi del primo re de Cipri, dopo che Gofredo Buglion ga fato la conquista de la Tera Santa, xe nato che una xentildona xe andada in viaxo de devossion al Sepolcro. Tornando indrio da quel logo e arivada a Cipri, la xe stada sporcamente insultada da una manega de briconi. No podendose dar paxe per el dolor, la ga pensà de andar a lagnarse dal re. Ma ghe xe stà dito da certuni che la butaria el fià al vento, perchè 'l re jera cussì ladin de costume e cussì poco de bon, che no solamente nol castigava con justissia le ofexe dei altri, ma ansi con vergognoxa debolessa el soportava tute quele che a lu ghe vegniva fate; tanto che chi gaveva calche dispiaxer che ghe roxegava, se sfogava col farghe oltragio e svergognarlo. Sentìa 'sta cossa, e persa ogni speransa de aver justissia, la dona, per ciorse in calche maniera 'sto bruxeghin, s'ha ficà in testa de voler ciapar el re del sò lato debole. E, andada pianxendo davanti de lu, la ga dito: "Sior mio, mi no vegno a la tò prexensa perchè me aspeti che ti me daghi sodisfassion de l'ofexa che me xe stada fata; ma in conpenso te prego de insegnarme comódo ti fassi soportar le ofexe che go sentìo a dir che te vien fate: perchè, inparando da ti, sapia con rassegnassion tegnirme la mia, che in verità, se me fussi possibile, te la voria regalar, xa che ti ga cussì bone spale de portarle".
El re, che pareva fin alora insucà e insenetìo, verxendo i oci come se prima el dormisse, l'ha cominsià a farghe justissia coi fiochi a 'sta dona, e pò el xe deventà severo persecutor de tuti quei che da quel xorno in avanti i gavesse fato calche cossa de mal contro l'onor de la sò corona.
ibidem, pag. 612

Dialett de Cherso[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Digo dunque che ai tenpi del primo re de Zipro, dopo la conquista de Terasanta fata da Gofredo de Buglion, una zentildona de Guascogna xe andada in pelegrinagio al Santo Sepolcro; essendo arivada in Zipro, la xe stada vilanamente vilanamente oltragiada da alcuni omeni scelerati. Mentrer che ela se doleva de questo senza poderse dar paze, la s'ha pensà de andarsene a lagnar davanti al re; ma qualcun g'ha dito che la saria fadiga persa, essendo lu cussì bonato e scempioldo, che no solamente nol fazeva giustizia dei afronti fati ai altri, ma anzi con vergognoxa viltà el sofriva in santa paze le infinite ingiurie che i altri i ghe fazeva a lu; de modo che ognun che gaveva qualche passion, el se andava a sfogar con lu, fazendoghe qualche insulto o qualche vergogna. La qual cossa sentindo la dona, persa ogni speranza de otégner vendeta, per provar una qualche consolazion, la s'ha messo in testa de voler pónzer un tantin l'indolenza de quel re. Ed essendose prexentada pianzendo davanti a lu, la g'ha dito cussì: "Maestà, mi no ve vegno no davanti per aver da vu vendeta de l'ingiuria che me xe stada fata; ma, in sodisfazion de quela, ve prego d'insegnarme in che modo possiè vu sofrir tute quele che, come ve sento dir, ogni giorno ve vien fate: perchè, inparando da vu, mi possa sofrir pazientemente la mia che. E lo sa Idio se, suposto che se podesse far 'sto barato, ve lo daria volentieri a soportar a vu, che sè tanto bravo a sofrirghene tante".
El re, che fin alora jera stà tardo e pigro, come se 'l se svejasse dal sono, incominziando da l'ingiuria fata a 'sta dona (che 'l ga vendicà con tuto rigor) el xe deventà rigoroxissimo persecutor de tuti quei che d'alora in avanti gavesse comesso el più picolo falo contro a l'onor de la sua corona.
ibidem, pag. 612-613

Dialett de Pisino[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Digo dunque che inti tenpi del primo re de Cipro, dopo che la Tera Santa jera conquistada da Gofredo de Buglion, xe nato el caxo che una zentildona de Guascogna la xe andada come pelegrina al Sepolcro, da dove tornando, arivada in Cipro, la xe stada da certe fezze de òmini vilanamente insultada. E de 'sta cossa, senza che nissun la consolasse, la ga pensà de domandar giustizia al re; ma ghe xe stà dito da qualchedun che la perderia la fadiga, perchè lu el jera de una vita cussì mufa e cussì de gnente, che no solamente con giustizia nol vendicava i insulti dei altri, ma anzi tanti e tanti che a lu i ghe vegniva fati intela maniera più sporca li soportava: al punto che chiunque gaveva qualche rùxine, col farghe insulti el se sfogava. La dona, sentindo 'ste cosse, persa la speranza de la vendeta, per cavarse un poco de la sua amara, la se ga impensà de voler tacar la mixeria del deto re. E andada davanti de lu pianzendo, la ghe dixe: "Signor mio, mi no vegno a la tua prexenza per aspetarme vendeta de l'insulto che me xe stado fato, ma invece de quela te prego che ti me insegni come ti xe bon de sofrir quei che mi so che i te vien fati: aciochè, inparando da ti, possa anca mi con pazienza soportar el mio; che lo sa Idio, se lo podessi far, volentieri te lo donaria, zà che ti ga cussì bone spale".
El re, che fin alora jera stado fiacoxo e pegro, come 'l se svejasse dal sono, scominciando da l'insulto fato a 'sta dona (che senza mixericordia el ga vendicà), el xe diventà rigoroxissimo persecutor de ognun che d'alora in poi cometesse qualcossa contro l'onor de la sua corona.
ibidem, pag. 615-616

Dialett de Fiumm[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Dunque mi digo che in quela volta che Zipro ga avudo el sò primo re, dopo che Gotifrè de Bujon ga guadagnà la Tera Santa, xe nato ch'una zentildona de Guascogna, che se gaveva invotà de andar al Santo Sepolcro, quando la xe tornada indrio, vegnuda a Zipro, la xe stada malmenada da zerti cativi sojeti in modo assai grubian. E per questo, dolindoghe 'l cor, la ga pensà de andarli a lementar dal re; ma ghe xe stà qualchedun che ga dito che fosse fadiga persa, perchè 'l jera tanto cianpa e tanto poco de bon, che non solo nol fazeva justizia de le ofexe che vegniva fate a lui; e intanto, chi che gaveva del rùzine, el podeva sfogarse col farghe qualunque sorta de figure. La dona, có la ga sentido 'sta cossa, disperada de no poderse vendicar, no la se ga dà paxe sin tanto che no la ga stabilì de stuzzigar la mixeria de 'sto re; la xe andada piangendo da lui e la ga dito: "Signor mio, mi no vegno davanti da lei perchè la me fazi justizia de l'ofexa che me xe stada fata; ma per mia sodisfazion la prego d'inpararme come ghe se dà de sofrir quele che, come me se dixe, le ghe vien fate a lei: aziochè inparando da lei, mi podessi darme paxe de la mia, che Dio lo sa, se mi potrei far, ghe la regalassi de tuto cor, zà che lei la xe tanto bon".
El re, che sin alora el jera una fiaca e tanto pigron, squaxi che 'l se dismixiasse, el ga scominzià da la ofexa fata a 'sta dona (che fortemente 'l ga vendicà) e 'l xe diventà d'alora severo persecutor de tuti quei che gavesse fato qualche dixonor a la sua corona.
ibidem, 621

Bibliografia[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Enrico Rosamani, Vocabolario giuliano, Bologna, Cappelli ed., 1958.
  • Enrico Rosamani, Vocabolario marinaresco giuliano-dalmata, Fiorenza, Olschki ed., 1975.
  • Nicola Pafundi, Dizionario Fiumano-Italiano e Italiano-Fiumano, Padova, Associazione Libero Comune di Fiume in Esilio, 2011.

Vos corelaa[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Ligamm de foeura[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]