Dialett triestin

De Wikipedia
Va a: navegá, truvá
Lumbard ucidental Quest articol chì l'è scritt in milanes, ortografia classega.

El dialett triestin l'è on dialett de la lengua veneta che l'è parlaa a Triest.
L'è on dialett "recent", perchè fina al XVIII secol a Triest la se parlava on'altra lengua: el Tergestin, che l'era on parlà ben pussee compagn del Forlan.
Ma quand i Austriegh hann faa vegnì Triest vun di sò port pussee important, gh'è rivaa in la città ona motta de gent veneta, che gh'hann portaa la soa lengua. Inscì el Tergestin l'è sparii e l'è rivaa el Triestin: besogna savè che 'l Veneto l'era parlaa giamò intorna a Monfalcon (el bisiacch), a Grado e in de l'Istria.
In del Triestin gh'è ona motta de paroll de origin slava, greca, forlana e todesca.

Grammatiga[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

I pronomm personai[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Mi
  • Ti
  • Lu
  • Noi
  • Voi/vu/voialtri
  • Lori

I verb[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

In Triestin, el congiuntiv imperfett e 'l condizional present vegnen drovaa a l'istessa manera.

Verb vess[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi son, ti te son/xe, lu el xe, noi semo, voi sé, lori i xe.
  • Indicativ imperfett: mi iero, ti te ieri, lu el iera, noi ierimo, voi ieri, lori i iera.
  • Indicativ futur: mi sarò, ti te sarà, lu el sarà, noi saremo, voi saré, lori i sarà.
  • Congiuntiv present: che mi sia/sio, che ti te sia/sii, che lu el sia, che noi semo, che voi sé/sii, che lori i sia.
  • Congiuntiv imperfett: che mi fussi, che ti te fussi, che lu el fussi, che noi fussimo, che voi fussi, che lori i fussi.
  • Condizional present: mi saria, ti te saria, lu el saria, noi saressimo/sarimo, voi saria/saressi/sarii, lori i saria.
  • Infinii present: esser.
  • Particippi passaa: stado/stà.

Verb avèggh[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi gò, ti te ga, lu el ga, noi gavemo, voi gavé, lori i ga.
  • Indicativ imperfett: mi gavevo, ti te gavevi, lu el gaveva, noi gavevimo, voi gavevi, lori i gaveva.
  • Indicativ futur: mi gaverò/gavarò, ti te gaverà/gavarà, noi gaveremo/gavaremo, voi gavaré, lori i gaverà/gavarà.
  • Congiuntiv present: che mi abio/gabio/gabi, che ti te abi/gabi, che lu el gabi, che noi gavemo, che voi gavé, che lori i abia/gabia/gabi.
  • Congiuntiv imperfett: che mi gavessi, che ti te gavessi, che lu el gavessi, che noi gavessimo, che voi gavessi, che lori i gavessi.
  • Condizional present: mi gavaria, ti te gavaria/gavaressi, lu el gavaria/gavaressi, noi gavaressimo, voi gavaria/gavaressi/gavarii, lori i gavaria/gavaressi.
  • Infinii present: aver/gaver (termen vegg o arios).
  • Particippi passaa: (a)vudo/(a)vù.

Esempi de lengua[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

Pare nostro che te son nei celi
che sia benedido el tuo nome
che vegni el tuo regno
sia fata la tua volontà
come in cel cussì in tera
dane ogi el nostro pan cuotidian
e rimetine i nostri debiti
come noi ghe li rimetemo ai nostri debitori
e no indurne in tentazion
ma liberine dal mal.
Amen

Ona novella del Boccasc[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

Digo dunque che al tempo del primo re de Zipro, dopo che Gottifrè de Buglion gaveva conquistado la Tera Santa, xè suzzesso che una dona nobile de Guascogna xè andada come pelegrina al Sepolcro; tornando, e arivada a Zipro, la xè stada vilanamente insultada da omeni maligni. Tuta disperada, la pensa de domandar giustizia al re; ma alora i ghe dixe che saria fadiga persa, perchè 'l iera tanto de maniga larga e poco de bon, che no solo no 'l pensava a far giustizia ai altri, ma anca lu el sofriva da vil che i ghe fazesse a lu de le grosse; e, per questo, ognidun che se vedeva tormentado, el se sfogava con lu fazendoghe ogni sorte de malagrazie e de insolenze. Quando la dona sentì 'ste cosse, no la podeva più sperar de vendicarse; ma almeno per consolarse del gran dolor, la se ga proposto de sponzer el re; la se presenta dunque a lu e la ghe dixe: "Sior mio, mi no vegno davanti de ti perchè ti me vendichi de l'insulto che me xè stato fato, ma almeno dame una sodisfazion: insegnime come ti fa ti a sofrirghene tante, che come i me dixe, i te ne fa a ti; zachè cussì imparando de ti, podarò anca mi sofrir con pazienza la mia, e se lo podarò far, Dio sa che gran regalo che te farò, perchè ti son cussì bravo de soportar 'ste cosse".
El re, che sin alora el iera stado fiaca e poltron, el se ga, per cussì dir, dismissià, e cominziando de l'ofesa fata a 'sta dona, che 'l la ga vendicada a dover, el xè diventado da quel tempo in poi assai severo castigador de ogniun che 'l gavesse fato qualcossa contro l'onor de la sua corona.
Giovanni Papanti, Parlari italiani in Certaldo, 1875, pag. 620

Bibliografia[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Ernesto Kosovitz, Dizionario-vocabolario del dialetto triestino e della lingua italiana, Triest, 1889.
  • Gianni Pinguentini, Nuovo dizionario del dialetto triestino storico-etimologico-fraseologico, ed. Cappelli, 1969.

Vos correlaa[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

Ligamm de foeura[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]