Dialett feltrin-bellunes

De Wikipedia
(Rimandaa da Dialett feltrin)
Jump to navigation Jump to search
Lumbard ucidental Quest articol chì l'è scrivuu in lombard, grafia milanesa.

El feltrin-bellunes (o venet settentrional) l'è on dialett del Venet.

Diffusion e variant[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Come che 'l dis anca el nomm, el feltrin-bellunes l'è parlaa soratutt in de la zona tra Bellun e Feltre, in provincia de Bellun. La zona de transzion tra i dò variant principai la se troeuva in de la Valbelluna. El Feltrin el gh'ha i sò influenz anca in d'ona quai banda del Trentin (per esempi in Valsugana, e in del dialett primierott), menter che 'l bellunes el riva a toccà anca la Provincia de Trevis, per esempi Vittorio Veneto.

Caratteristegh[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Gh'è tanti paroll che finissen per consonant, compagn del Ladin (e del Lombard).
  • Compagn del Lombard, i paroll masculinn al plural hinn compagn del singolar.
  • De norma l'articol determinativ a l'è al.
  • La segonda persona singolar del verb l'è istessa che la terza (e donca a la terza plural).
  • La /l/ la se pronuncia ben benon, e l'è minga evanescenta 'me in del Venezian.
  • Compagn de quell che 'l succed in del Trevisan, despess /ts/ l'è pronunciaa /θ/.
  • Istess el var per /dz/, che 'l vegn pronunciaa /ð/ o anca domà /d/.

I verb in del dialett de Vittorio Veneto[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Verb vess[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi son, ti t'é/sé, lù l'é, naltri sen, valtri sè, lori i é.
  • Indicativ imperfett: mi ere/gere, ti t'era/gera, lù l'era/gera, naltri érensi/gérensi, valtri éressi/géressi, lori i era/gera.
  • Indicativ futur: mi sarò, ti te sarà, lù 'l sarà, naltri sarén, valtri sarè, lori i sarà.
  • Congiuntiv present: che mi sie, che ti te sie, che lù 'l sie, che naltri sene, che valtri seghe, che lori i sie.
  • Congiuntiv imperfett: che mi fosse/fusse, che ti te fosse/fusse, che lù 'l fosse/fusse, che naltri fonsi, che valtri fossi/fussi, che lori i fosse/fusse.
  • Condizional present: mi sarèe/sarae, ti te sarèe, lù 'l sarèe, naltri sarensi, valtri saressi, lori i sarèe.
  • Infinii present: esser/essar.
  • Particippi passaa: stat.

Coniugazion interrogativa[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Sone?
  • Sétu?
  • Élo? Éla?
  • Sene?
  • Sèu?
  • Éli? Éle?

Verb avèggh[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi ho, ti te ha, lù l'ha, naltri (a)vén, valtri avè, lori i ha.
  • Indicativ imperfett: mi (a)vee, ti te vea, lù 'l vea, naltri vensi, valtri vessi, lori i vea.
  • Indicativ futur: mi varò, ti te varà, lù 'l varà, naltri varén, valtri varè, lori i varà.
  • Congiuntiv present: che mi apie, che ti te apie, che lù l'apie, che naltri vene, che valtri veghe, che lori i apie.
  • Congiuntiv imperfett: che mi vesse, che ti te vesse, che lù 'l vesse, che naltri vensi, che valtri vessi, che lori i vesse.
  • Condizional present: mi varèe, ti te varèe, lù 'l varèe, naltri varensi, valtri varessi, lori i varèe.
  • Infinii present: (a)ver.
  • Particippi passaa: bù, vù, avù.

Coniugazion interrogativa[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Hòe?
  • Hatu?
  • Halo? Hala?
  • (A)vene?
  • (A)vèu?
  • Hali? Hale?

Verb andà[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi vae, ti te va, lù 'l va, naltri andén/andón, valtri andè, lori i va.
  • Indicativ imperfett: mi andee, ti t'andea, lù l'andea, naltri andensi, valtri andessi, lori i andea.
  • Indicativ futur: mi andaró, ti t'andarà, lù l'andarà, naltri andarén, valtri andarè, lori i andarà.
  • Congiuntiv present: che mi vae, che ti te vae, che lù 'l vae, che naltri andene, che valtri andeghe, che lori i vae.
  • Congiuntiv imperfett: che mi andesse, che ti t'andesse, che lù l'andesse, che naltri andensi, che valtri andessi, che lori i andesse.
  • Condizional present: mi andaree/andarae, ti t'andaree, lù l'andaree, naltri andarensi, valtri andaressi, lori i andaree.
  • Infinii present: (a)ndar.
  • Particippi passaa: andat.

Verb fà[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi fae, ti te fa, lù 'l fa, naltri fen, valtri fè, lori i fa.
  • Indicativ imperfett: mi fee, ti te fea, lù 'l fea, naltri fensi, valtri fessi, lori i fea.
  • Indicativ futur: mi faró, ti te farà, lù 'l farà, naltri farén, valtri farè, lori i farà.
  • Congiuntiv present: che mi fae, che ti te fae, che lù 'l fae, che naltri fene, che valtri feghe, che lori i fae.
  • Congiuntiv imperfett: che mi fesse, che ti te fesse, che lù 'l fesse, che naltri fensi, che valtri fessi, che lori i fesse.
  • Condizional present: mi faree/farae, ti te faree, lù 'l faree, naltri farensi, valtri faressi, lori i faree.
  • Infinii present: far.
  • Particippi passaa: fat.

Verb dì[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi dighe, ti te dis, lù 'l dis, naltri disén, valtri disè, lori i dis.
  • Indicativ imperfett: mi disée, ti te disea, lù 'l disea, naltri disensi, valtri disessi, lori i disea.
  • Indicativ futur: mi dirò, ti te dirà, lù 'l dirà, naltri dirén, valtri dirè, lori i dirà.
  • Congiuntiv present: che mi dighe, che ti te dighe, che lù 'l dighe, che naltri dighene, che valtri digheghe, che lori i dighe.
  • Congiuntiv imperfett: che mi disesse, che ti te disesse, che lù 'l disesse, che naltri disensi, che valtri disessi, che lori i disesse.
  • Condizional present: mi dirèe/dirae, ti te diree, lù 'l diree, naltri dirensi, valtri diressi, lori i diree.
  • Infinii present: dir.
  • Particippi passaa: dit.

Verb podè[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi pòss/posse, ti te pol, lù 'l pol, naltri podén, valtri podè, lori i pol.
  • Indicativ imperfett: mi podée, ti te podea, lù 'l podea, naltri podensi, valtri podessi, lori i podea.
  • Indicativ futur: mi podarò, ti te podarà, lù 'l podarà, naltri podarén, valtri podarè, lori i podarà.
  • Congiuntiv present: che mi posse, che ti te posse, che lù 'l posse, che naltri podene, che valtri podeghe, che lori i posse.
  • Congiuntiv imperfett: che mi podesse, che ti te podesse, che lù 'l podesse, che naltri podensi, che valtri podessi, che lori i podesse.
  • Condizional present: mi podarèe/podarae/podarie, ti te podaree, lù 'l podaree, naltri podarensi, valtri podaressi, lori i podaree.
  • Infinii present: poder.
  • Particippi passaa: podést/possù.

I coniugazion[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi magne, ti te magna, lù 'l magna, naltri magnén, valtri magnè, lori i magna.
  • Indicativ imperfett: mi magnée, ti te magnea, lù 'l magnea, naltri magnensi, valtri magnessi, lori i magnea.
  • Indicativ futur: mi magnarò, ti te magnarà, lù 'l magnarà, naltri magnarén, valtri magnarè, lori i magnarà.
  • Congiuntiv present: che mi magne, che ti te magne, che lù 'l magne, che naltri magnene, che valtri magneghe, che lori i magne.
  • Congiuntiv imperfett: che mi magnesse, che ti te magnesse, che lù 'l magnesse, che naltri magnensi, che valtri magnessi, che lori i magnesse.
  • Condizional present: mi magnarèe, ti te magnarèe, lù 'l magnarèe, naltri magnarensi, valtri magnaressi, lori i magnarèe.
  • Infinii present: magnar.
  • Particippi passaa: magnat.

II coniugazion (verb "savè")[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi so, ti te sa, lù 'l sa, naltri savén, valtro savè, lori i sa.
  • Indicativ imperfett: mi savée, ti te savea, lù 'l savea, naltri savensi, valtri savessi, lori i savea.
  • Indicativ futur: mi savarò, ti te savarà, lù 'l savarà, naltri savarén, valtri savarè, lori i savarà.
  • Congiuntiv present: che mi sapie, che ti te sapie, che lù 'l sapie, che naltri savene, che valtri saveghe, che lori i sapie.
  • Congiuntiv imperfett: che mi savesse, che ti te savesse, che lù 'l savesse, che naltri savensi, che valtri savessi, che lori i savesse.
  • Condizional present: mi savarèe, ti te savarèe, lù 'l savarèe, naltri savarensi, valtri savaressi, lori i savararèe.
  • Infinii present: saver.
  • Particippi passaa: savest/savù.

III coniugazion[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi lezze, ti te lezze, lù 'l lezze, naltri lezzén, valtri lezzè, lori i lezze.
  • Indicativ imperfett: mi lezzée, ti te lezzea, lù 'l lezzea, naltri lezzensi, valtri lezzessi, lori i lezzea.
  • Indicativ futur: mi lezzerò, ti te lezzerà, lù 'l lezzerà, naltri lezzerén, valtri lezzerè, lori i lezzerà.
  • Congiuntiv present: che mi lezze, che ti te lezze, che lù 'l lezze, che naltri lezzene, che valtri lezzeghe, che lori i lezze.
  • Congiuntiv imperfett: che mi lezzesse, che ti te lezzesse, che lù 'l lezzesse, che naltri lezzensi, che valtri lezzessi, che lori i lezzesse.
  • Condizional present: mi lezzerèe, ti te lezzerèe, lù 'l lezzerèe, naltri lezzerensi, valtri lezzeressi, lori i lezzerèe.
  • Infinii present: lezzar/lèzzer.
  • Particippi passaa: lezzù/lezzest.

IV coniugazion[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi drome, ti te drom, lu 'l drom, naltri dromén, valtri dromì, lori i drome.
  • Indicativ imperfett: mi dromìe, ti te dromìa, lu 'l dromìa, naltri dròmensi, valtri dròmessi, lori i dromìa.
  • Indicativ futur: mì dromirò, ti te dromirà, lu 'l dromirà, naltri dromirén, valtri dromirè, lori i dromirà.
  • Congiuntiv present: che mi drome, che ti te drome, che lu 'l drome, che naltri droméne, che valtri droméghe, che lori i drome.
  • Congiuntiv imperfett: che mi dromisse, che ti te dromisse, che lu 'l dromisse, che naltri dròmensi, che valtri dròmessi, che lori i dromisse.
  • Condizional present: mi dromirèe, ti te dromirèe, lu 'l dromirèe, naltri dromìrensi, valtri dromìressi, lori i dromirèe.
  • Infinii present: dromir.
  • Particippi passaa: dromì.

Esempi de lengua[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Ona novella del Boccasc[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Dialett de Bellun[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Mi dighe donca che al temp del prin re de Cipro, daspò che Gotifrè de Bulgion l'avea ciapà la Tera Santa, l'è nat che 'na strissima de Guascogna l'è andata par devozion al Santo Sepolcro, e ant el gner indrio, rivada a Cipro, l'ha catà an poche canaje de omenat che ga fat tante malagrazie. E strazzada al cor de 'sta roba, l'ha pensà de andar a contarghe tut al re; ma l'è gnesta a saèr da un che la perderée la broa e 'l saón, parchè al re l'era tant an pore gramazz e cussì bon da gnent, che lu istess ciolea su de tut, e tant manco l'avea fià de castigar quei che fea baronade ai altri; tant che ogni un che fusse inrabià se sfoghea col farghe qualche pazzità. Quella strissima, co l'ha saèst 'sta roba, desperada de poder vendicarse, par stuar an poch al brusor che la morseghea, l'ha pensà de far grizzar al re de esser cussì an pore gramo. Ha andata pianzando gnanzi a lù, la g'ha dit: "Strissimo Sior, no son mia gnesta qua da vu parchè mì spere de esser vendicada de le malagrazie che i m'ha fat; ma per refarme ve preghe che me insegnede come vu siè bon de pair quele che i me dis che i ve fa, e mì posse imparar da vu a pair le mie, che (si la Fè Santa) ve cederée ben volentiera, parchè vu sè cussì gajardo a cior su de tut".
Al re, che era stat fin alora bon da gnent, come se al se fusse dessedà da 'na gran son, scomenzando a mostazzar i malagrazioi che avea fat inrabiar la strissima, al se ha mess a darghe sui corn a tut i altri che contro l'onor de la sa corona, olsasse daspò far de le baronade.
Giovanni Papanti, I parlari italiani in Certaldo, 1875, pagg. 116-117

Dialett de Feltre[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Dpnca dighe che ai temp del prin re de Cipro, dop che Gotifrè Bulgion l'è andat al possess de Tera Santa, è nassest che che 'na lustrissima de Guascogna a piei l'è andata al Sepulcro; pò, tel gner indrio, rivada a Cipro, l'ha catà dei mostri de omenat che l'ha brancada su e ghe ha fat mili pazzità. Ondechè, desperada, l'ha pensà de andar a contarghela al re perchè la protegiasse. Ma l'ha saèst che l'averèe fat un bus tel'egua, parchè lu l'era un poro gramet, bon da gnint, e no bastea che no 'l cenesse testa contra le baronade sofriste dai altri, ma anca lu tolea su de tut come un mussat, tant che ogni inrabià podea guarir la spizza de mostazzarlo. La femena che ha capì cussita, tossegada par no poder recatarse, ma pur de sentir manco el bis che la bechea, la se ha pensà de andar dal re a grizzarlo. E co la gh'è stata ignanzi a lù, piandant la ghe dis: "Mi no gène, sior, a la tò presenzia par spetarme vindicazion de la vetupergia che i m'ha fat; ma, in recambio, par saèr come che tu sustenta quele che mi sente a dir che te carga la schena, e posse imparar a pair la mia che, el Segnor sa, se mi podesse te cedarae tant olincera, da che tu le porta cussita gajardo".
El re, che fin alora l'era stat inseminì come se 'l fusse dessedà da la indormia, scomenzando a darghe ben sui corn a quei ch'ea maltratà la lustrissima, el se ha mess a sgrafar co tante de onge tut i altri che, contra l'onor de la sò corona, se ha cavà in avegner el gusto de far calche braura.
ibidem, pag. 117

Dialett de Mel[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Mi dighe che quand regnea 'l prim de Zipro, al temp che Gofred de Buglion l'ha ciapat Terasanta, è gnest che 'na trissima de Guascogna andesse in prozession al Santo Sepolcro, e nel tornar indrio l'ha petà ant en poche de canagie de omi, i quai g'ha dit mili vitumie; e onde ela se lamentea par 'sta cosa, e l'ha pensà d'andà dal re a contarghe quel ch'è stat. Ma qualchidun l'ha avertida che la perdarae al fià de bant, parchè al re l'era tant stornel e poch de bon, che inveze de castigar le inzurie dei altri, el tolerea le insolenze che i ghe fea a lù, essendo un pore diaol; e sì per 'sta reson i ghe podea far tut quel che i volea, che 'l no se movea quand i l'avea ciolt sui corni. La femena, quand l'ha sentù tute 'ste robe, inrabiada fiss, per consolarse un poch, gh'è saltà antela testa de andar davanti a lù e la g'ha dit: "Maestà! Mi no vegne miga per sperar che me dede rason, ma solament perchè me insegnè come podè tolerar che i ve 'n dighen tante insolenze; che se mi posse imparar come vu fè a patirle tute, mi sì, Giò el sa, anca la mea vulentiera ve darae, perchè sè an muss che le podè portarle tute quante".
Al re, fin 'dess martuf e pegro, come dessendandose, l'ha scomincià da la vitumia fata a 'sta femena, che l'ha castigà coi dent, e l'è deventat pò quel che perseguitea più de tut quei che esse da ora a gnanzi fat mal ai soi o a la sò corona.
pagg. 118-119

Dialett de Piai[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Cossì vegne a dir che al temp del prin re de Zipro, daspò che Gutifrè Bulgion al se aéa impadronì de Terasanta, 'na zentildona de Guascogna l'ha olest andar vestida comò romit al Sant Sepolcro; e co la è tornada indrio e la è arivada a Zipro, la s'ha trovà in mezz a malazent che g'ha fat zarion de insolenzie, tant che l'ha pensà de far istanzia al re parchè fusse castigadi chei canagie. Ma l'ha sentì a dir che enca al re i ghe fea de continio malegrazie, e che lu lassea far e dir senza tegnerghen cont; e men de che sufria lù, podea sufrir enca i altri, e par 'sta rason no l'arae dà reta a la sò istanzia. Co l'ha sentì cossì, e che l'ha vist che no la podea vendicarse, la se ha mess te 'na gran desperazion, e l'ha olest andar encamò dal re par proar se la era bona da far che 'l capisse la rason de castigar chei da le insolenzie par cont de ela e par cont sò. Cossì l'ha fat, e co la s'ha trovà gnanzi al re, la s'è mess a pianzre, e la g'ha dit: "Lustrissimo, mi no son egnuda a la presenzia toa par domandar vendicazion par le insolenzie che i me ha fat; ma al contrari te sconzure de insegnarme come te fa ti a sufrir le insolenzie che sempre i te fa, parchè cossì, co arò imparà, enca mi portarò pazenzia de quele che i ha fat a mi. E te zure che, se podesse, te le donarae tute a ti, che te sè tant brao e pazient de portarle".
Alora 'l re, che fin qua l'era pegro e insonì, al se è desmissià fora e l'ha dat man a castigar forte chei che aéa insolentì la zentildona, e daspò l'ha prubicà an Orden che l'arae tegnù drio a tuti chei che se aesse fat tort a lu, e li arae castigadi fiss e stagn.
pagg. 120-121

Dialett de Vittorio Veneto[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Donca mi dighe che ni ani del re primo de Zipro, despò che Gofredo de Bulion l'ha ciapà la Tera Santa, l'è nassest 'l caso che 'na zentildona de Guascogna l'è 'ndata pelegrinande al Sepolcro. E intel tornar l'è rivada a Zipro, onde che da de le fegurate la è stata svilanada. Trista par 'sta roba che mai pì, l'ha pensà de 'ndar a recramar dal re; ma là i ghe ha fat dir che l'è inutile, parchè l'era cussì butà là e poch de bon, che no basta no 'l fea iustizia de le vilanade fate ai altri, ma l'era cussì vil che 'l lassea sempro passar anca quele che i ghe fea a lù, in maniera che chi la vea su con un, 'l se sfoghea col farghe 'na vilanada o 'n desonor. Co la siora ha sentì 'sta roba, invelenada par no poderse vindicar, par farse passar 'n s'ciant la smara, la se met in testa de dar 'na botonada a quel vargognoso de re; l'è 'ndata a pianzerghe dagnanzi e la ghe ha dit: "Sior, mi no viene dagnanzi a vù par aver vindicazion da la vilanada che i me ha fat: me basta, co la vostra bona grazia, che me disé comodo che fé a sufrir quele che i ve fa a vù, parchè co ho imparà, podarò anca mi portar pazienzia e sufrir la mea; che se mi podesse ('l Signor sa lù), ve la farae sufrir a vù, za che sé cussì brao da sufrir".
'L re, fin alora stat pegro e piajon, squasi come moto svejà da la son, scomenzande da la vilanada fata a 'sta siora, col vindicarla ben, l'è deventà vindicoso che mai contro de qualunque che dopo de quel dì vesse dit o fat un gnent contro de l'onor de la sò corona.
ibidem, pagg. 515-516

Bibliografia[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Emilio Zanette, Dizionario del dialetto di Vittorio Veneto, Treviso, Arti Grafiche Longo & Zoppelli, 1955.
  • Bruno Migliorini, Giovan Battista Pellegrini, Dizionario del feltrino rustico, 1971.

Vos correlaa[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Ligamm de foeura[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]