Enrico Crespi

De Wikipedia
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Lumbard ucidental Quest articol chì l'è scrivuu in lombard, grafia milanesa.
Ona foto del scior Crespi.

L'Enrico Crespi (Bust Grand, 13 de agost del 1877 - Sestriere, tredes de luj del 1965) l'è staa on poeta lombard.

Biografia[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Restaa orfen de mader a ses agn, e de pader a noeuv, l'è staa fidaa a la zia Maria, che l'ha faa studiaa al coelegg di Salesian, poeu a Turin. L'è deventaa maester de disegn e pitura a Locarn.
L'ha faa el soldaa a Cremona e Piasenza; quand che l'è tornaa a Bust, l'ha lavoraa 'me impiegaa in vari aziend. In del 1904 el s'è sposaa. In de la prima guerra mondiala l'ha combattuu in de la zona de Brentonegh, in Trentin.
A on bell moment l'ha deciduu de scriv i sò poesii domà in lombard (bustocch); l'ha publicaa quatter volumm de poesii e l'ha scrivuu on rimari bustocch e la prima gramatega de 'sto dialett.
In tra i sò vari ativitaa, l'ha fondaa la sociazzion coltural La Famiglia Bustocca. L'ha scrivuu anca 'na muggia de articoi in su la storia de la soa città.

Oeuver[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Busti cha scumpaj - Robi vegi e noêui (1957)
  • I mesi ed i lunari bustocchi (1958)
  • 'Na fiamma e 'na canzon (1959)
  • In cerca pa' i straj dul mondu (1961)
  • Eco di voci lontane (1961)

On esempi de poesia[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

BASTEM (ciappada de 'Na fiamma e 'na canzon)

Chi bastem cha sa senti dì da tanti,
in d'un atu da füja, senz'intenzion
da vuè ufendi Signui, Madona o Santi,
par men hin segn da poca educazion.

Ma candu a vedu da sti prufanazion,
da sti caricatüi, inscì ripügnanti,
cha hin véri insülti a nostra religion,
e j calpestan misteri, i püsè santi,

cha hin partu, a disu, d'animu parversu,
che dümà bava in sü 'l pasagiu al lasa
e che ogni dignità l'ha urmai già persu.

Che hin pegiu, a disu, pegiu d'una pesta;
parchè, se i prim hin di bastem cha pasa,
chesti hin bastem sacrileghi cha resta...

Bibliografia[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Franco Poerio, Rievocando Enrico Crespi in Almanacco della Famiglia Bustocca per l'anno 2000, La Famiglia Bustocca, pp. 28-37.
  • AA. VV. Antologia dei poeti nelle lingue e nei dialetti lombardi dal Medioevo al XX secolo, Milan, Libri Schweiler, 2006.