Dialett visentin

De Wikipedia
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
Lumbard ucidental Quest articol chì l'è scrivuu in lombard, grafia milanesa.

El Visentin (la parnonzia local a l'è istessa) a l'è on dialett venet central.

Diffusion e variant[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

El Visentin l'è parlaa in la provincia de Vicenza, cont ona quai influenza veronesa al confin occidental. L'è puttost compagn del dialett padovan e de quell polesan.
El dialett de città l'è bell condizionaa del dialett venezian, intant che i parlà de foeura hann conservaa di tratt pussee "pur" (per esempi, el plural metafonetegh). Ona variant del visentin a l'è 'l valsuganott, parlaa in del Trentin.

I verb in Visentin[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Verb vess[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi a son, ti te sì/xe, lù/elo el xe, noaltri/nu semo, voaltri sì, eli/lori i xe.
  • Indicativ imperfett: mi gera, ti te geri, lù/elo el gera, noaltri/nu gérimo, voaltri geri, eli/lori i gera.
  • Indicativ futur: mi sarò, ti te sarè, lù/elo el sarà, noaltri/nu saremo, voaltri sarì, eli/lori i sarà.
  • Congiuntiv present: che mi sia, che ti te sii, che lù/elo el sia, che noaltri/nu scemo, che voaltri sii, che lori/eli i sia.
  • Congiuntiv passaa: che mi fusse/fosse, che ti te fusi/fosse, che lù/elo el fusse/fosse, che noialtri/nu fussimo/fossimo, che voaltri fusi/fossi, che lori/eli i fusse/fosse.
  • Condizional present: mi saria, ti te saressi, lù/elo el saria, noaltri/nu saressimo, voaltri saressi, eli/lori i saria.
  • Infinii present: essare.
  • Particippi passaa: stà/stado.

Verb avèggh[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi a go, ti te ghè, lu el ga, nu ghemo, voaltri gavì, lori i ga.
  • Indicativ imperfett: mi a gaveva, ti te gavevi, lu el gaveva, nu gavévimo, voaltri gavevi, lori i gaveva.
  • Indicativ futur: mi a gavarò, ti te gavarè, lu el gavarà, nu gavaremo, voaltri gavarè, lori i gavarà.
  • Congiuntiv present: che mi a gabia, che ti te gabi, che lu el gabia, che nu gavemo, che voaltri gavì/gabiè, che lori i gabia.
  • Congiuntiv imperfett: che mi a gavesse, che ti te gavesse, che lu el gavesse, che nu gavessimo, che voaltri gavessi, che lori i gavesse.
  • Condizional present: mi a gavaria, che ti te gavaressi, che lu el gavaria, che nu gavaressimo, che voaltri gavaressi, che lori i gavaria.
  • Infinii present: avere.
  • Particippi passaa: (a)vudo/bìo.

I coniugazion[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi magno, ti te magni, lu el magna, nu magnemo, voaltri magnè, lori i magna.
  • Indicativ imperfett: mi magnava, ti te magnavi, lu el magnava, nu magnàvimo, voaltri magnavi, lori i magnava.
  • Indicativ futur: mi magnarò, ti te magnarè, lu el magnarà, nu magnaremo, voaltri magnarì, lori i magnarà.
  • Congiuntiv present: che mi magna, che ti te magni, che lu le magna, che nu magnemo, che voaltri magnè, che lori i magna.
  • Congiuntiv imperfett: che mi magnasse, che ti te magnassi, che lu el magnasse, che nu magnassimo, che voaltri magnassi, che lori i magnasse.
  • Condizional present: mi magnaria, ti te magnaressi, lu el magnaria, nu magnaressimo, voaltri magnaressi, lori i magnaria.
  • Infinii present: magnare.
  • Particippi passaa: magnà/magnado.

II coniugazion[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present:
  • Indicativ imperfett:
  • Indicativ futur:
  • Congiuntiv present:
  • Congiuntiv imperfett:
  • Condizional present:
  • Infinii present:
  • Particippi passaa:

III coniugazion[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi a bevo, ti te bevi, lu el beve, nu bevemo, voaltri bevì, lori i beve.
  • Indicativ imperfett: mi a beveva, ti te bevevi, lu el beveva, nu bevévimo, voaltri bevevi, lori i beveva.
  • Indicativ futur: mi a bevarò, ti te bevarè, lu el bevarà, nu bevaremo, voaltri bevarì, lori i bevarà.
  • Congiuntiv present: che a mi beva, che ti te bevi, che lu el beva, che nu bevemo, che voaltri bevì, che lori i beva.
  • Congiuntiv imperfett: che mi a bevesse, che ti te bevessi, che lu el bevesse, che nu bevessimo, che voaltri bevessi, che lori i bevessi.
  • Condizional present: mi a bevaria, ti te bevaressi, lu el bevaria, nu bevaressimo, voaltri bevaressi, lori i bevaria.
  • Infinii present: bévare.
  • Particippi passaa: bevudo/bevù.

IV coniugazion[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Indicativ present: mi a dormo, ti te dormi, lu el dorme, nu dormemo, voaltri dormì, lori i dorme.
  • Indicativ imperfett: mi a dormiva, ti te dormivi, lu el dormiva, nu dormévimo, voaltri dormivi, lori i dormiva.
  • Indicativ futur: mi a dormirò, ti te dormirè, lu el dormirà, nu dormiremo, voaltri dormirè, lori i dormirà.
  • Congiuntiv present: che mi a dorma, che ti te dorma, che lu el dorma, che nu dormemo, che voaltri dormì, che lori i dorma.
  • Congiuntiv imperfett: che mi a dormisse, che ti te dormissi, che lu el dormisse, che nu dormissimo, che voaltri dormissi, che lori i dormisse.
  • Condizional present: mi a dormaria, ti te dormiressi, lu el dormaria, nu dormiressimo, voaltri dormiressi, lori i dormaria.
  • Infinii present: dormire.
  • Particippi passaa: dormìo/dormio.

Ona novella del Boccasc[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Dialett de Bassano sul Grappa[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Bassano el se troeuva a nord-est de Vicenza, ai pee di montagn.

Digo adunque che al tempo del primo re de Sipro, dopo che Gofredo de Buglion el ga conquistà la Tera Santa, xe nato che una zentildona de Guascogna la xe andà in pelegrinagio al Santo Sepolcro; e tornando indrio, arivà che la xe a Sipro, la xe stà vilanamente insultà da alquanti omeni birboni. Né podendo ela darsene pase, la ga pensà de andar dire le sò rason dal re. Ma la zente ghe disea che la gavaria butà via el sò fià, perchè 'l re no 'l se savaria de gnente, e 'l gera tanto poco da ben che non solo no 'l vendicava i afronti che riseveva i altri, ma el tolea su quante malagrazie i ghe fasea; tanto che quei che la gaveva su con lu, i se sfogava fasendoghe non so quante insolenze. La dona, che ga sentìo 'sta cossa, desperà de non poderse vendicar, per sfogarse la ga pensà de ponzere la sò mincioneria. E la xe andà pianzendo davanti a lu e la ga dito: "Sior mio, mi no vegno miga davanti de ti perchè te vendichi le cativerie che go risevùo; ma te domando almanco che te m'insegni come te fè a portar quele che i altri te fa, perchè anche mi impari a portar con rassegnasion la mia. Idio sa che, se mi podesse, quanto volentiera te faria regalo anca de la mia, perchè vedo che te ghè bone spale da scorlarle zò".
El re, che fin d'alora el gera stà come insensà, come 'l se gavesse svegià dal sono, scomensando da l'insolenza fata a la dona, che la ga vendicà da bon, da quel dì in qua el ga fato pagar el fio senza misericordia a quanti i gavette tocà l'onor de la sò corona.
Giovanni Papanti, I parlari italiani in Certaldo, 1875, pagg. 561-562

Dialett de Lonigo[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Lonigo el se troeuva a sud-ovest de Vicenza, in de la bassa, al confin con la Provincia de Verona. Per 'sta reson a l'è influenzaa del Verones.

Digo dunque che ai tempi del primo re de Zipro, dopo che Gofredo gavea ciapà Terasanta, xe nato che 'na zentildona de Guascogna la xe andà in pelegrinagio al Santo Sepolcro; e intel ritorno, co la xe rivà a Zipro, la gh'è stà oltragià vilanamente da dei scelerati. Ela no la savea darsene pase, e pianzendo la ga pensà de andar dal re a dirghelo. Ma ghe xe stà qualchedun che ga dito che zà gera inutile, perchè lu el gera tanto un imbezile e da poco, che no solo no 'l punìa le ingiurie fate ai altri, ma fin quele che i ghe fasea, per quanto grosse le fusse, el le tolerava, cussì cogion el gera; a segno tale che se uno la gavea su 'n poco con lu, el podea anca andare a spuarghe adosso. Sentendo questo la dona, vedendo che no la podea vendicarse, la dise tra de ela: "Vogio almanco andar anca mi a darghe del mona a 'sto re!". Co la ghe xe stà davanti, pianzendo, la ga dito: "Caro el mè sior, mi no vegno da elo perchè 'l me fazza giustizia de la ingiuria che i me ga fato; ma almanco lo prego che 'l me insegna come 'l fa a soportar quele che i ghe fa a lu, perchè cussì impararò anca mi come gabia de tolerar quela che me xe stà fata; ché mi ghe lo giuro davanti a Dio, se podesse ghe la daria a lu, zà che 'l xe tanto bravo a soportar tuto".
El re, che fin alora el gera stà 'na marmota, el ga verti i oci e, scominziando dal castigar severamente l'insolenza che gera stà fata a 'sta dona, el se ga messo i mustaci e 'l ga fato far giudizio a quanti commetesse qualche cosa contro l'onore de la sò corona.
ibidem, pagg. 562-563

Dialett de Meledo[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Meledo l'è ona frazion de Sarego, a sud-ovest de Vicenza.

Donche, come ca ve disea, ai tempi del primo re de Zipro, daspò che i ghea ciapà Terasanta, xe nato che 'na zentildona de Guascogna la xe andà in pelegrinagio al Santo Sepolcro; e 'ntel tornare indrio, rivà che la xe in Zipro, da dei birbanti ghe xe stà fato de le vilanade. 'Sta cosa la ga tanto dispiasesto, che no la gera bona de lassarsela passare, sin che pò la ga pensà de narghelo contare al re. Ma i ga dito che 'l saria stà fià trato via, parchè 'l gera un omo da gnente e poco de bon, che se no basta che no 'l fesse giustizia par le ofese dei altri: i ghe ne fasea a elo d'ogni colore, e 'l se le tolea su da cogion; tanto che chi ghesse bù rabia con qualchedun, el se sfogava 'dosso de elo fasendoghe qualche tiro. Co la ga sentìo 'sta cosa, la siora, vedando che no la podea vendicarse, parchè ghe passasse una s'cianta, la ga pensà de darghe 'na bota a la miseria del re. La va donche da lu tuta piandando e la ghe dise: "Sior mio, no vegno da elo par la speranza che 'l castiga chi m'ha fato vilania; ma in aconto lo prego de dirme come 'l fa lu a scorlar 'dosso quele che a sento che i ghe fa parchè, col sò esempio, possa incomportarme anca mi de la mia; el lo sa el Signore quanto volentiera ghe la daria da portare a elo, che 'l gh'in porta tante".
El re, che fin alora el gera stà pegro e duro, el se ga dismissià fora, e scomenzando col darghe la salata a chi ghea svilanegià quela dona, el s'ha messo a farghela pagar a quanti daspò i se tolesse de la libertà con descapito de l'onor de la sò corona.
ibidem, pag. 563

Dialett de Schio[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Schio el se troeuva a nord-ovest de Vicenza, a l'inizzi de la Val Leogra, ai pee di montagn.

Mi ve digo dunque che fin da quando ghe n'è stà el primo re ne l'isola de Cipro, dopo la conquista che ga fato de la Tera Santa Gofredo de Buglione, una naboldona de Guascogna s'ha pensà de farse pelegrina e de andar al Santo Sepolcro. Quando pò la xe tornada indrio, la xe tornà per Cipro e quando che la xe stà là, la ga trovà de le canagie che ghe n'ha fato de ela de tuta la sorte. E no savendo ela come far ad aver una sodisfazion, la ga pensà de voler andar adiritura a reclamar al re. Ma ghe xe stà de quei che ga dito che la perdaria via la fadiga, perchè 'l re gera cussì de una vita libertina e cussì omo da poco gnente, che lu non solo no 'l gera bon de far giustizia de le ofese che i ghe fasea ai altri, ma no 'l gera gnanca bon de far giustizia de quele ofese infinite e porcele che i ghe fasea a lu; tanto che chi gera tormentà dal rabiezzo contro de qualchedun, el cercava de farghela a chi ghe l'avesse fata, e de svergognarlo più che 'l podeva, e cossì el se sfogava da lu. Quando la dona la ga sentìo 'sta s'gnesola, la ga perso ogni speranza de poder aver sodisfazion per parte del re; e per aver in qualche modo el sò sfogo anca ela, la ga pensà de ponzer quel poro cosso de re; e la xe andà davanti de lu pianzendu, e la ga dito: "Mi no vegno avanti de ti perchè me speta che ti te me vendichi de l'ofesa che m'è stà fata, ma solamente te prego de insegnarme come te fé ti a portar in pase le ofese, ché sento che i te ne fa tante; perchè cussì impararò anca mi la maniera de tirar drito e de no badarghe. Mentre el Signor solo lo sa che, se podesse farlo, lo faria proprio, vedendo che ti te sé tanto de stomego da portar tuto come 'l mulo".
El re, che fin alora el gera stà tanto infingardo, el s'ha svegià fora e, comenzando da la ingiuria fata a la dona, che 'l l'ha castigà coi fiochi, l'è diventà el più gran persecutor de tuti quei che da quel zorno s'ha permesso qualcossa contro la sò corona.
ibidem, pagg. 563-564

Dialett de Vicenza[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Digo dunque che al tempo del primo re de Sipro, dopo fata la conquista de Terasanta da Gofredo de Buglion, xe nato che una xentildona de Guascogna xe andà in pelegrinagio al Sepolcro; e nel ritorno, arivà a Sipro, da serti birboni de omeni la xe stà vilanamente oltragià. De la qual cossa ela, lamentandose sensa podersene dar pase, la se ga pensà d'andar a far un reclamo al re. Ma ghe xe stà dito da qualchedun che la saria fadiga persa, perchè 'l re condusea una vita cussì poltrona e 'l gera tanto un omo da poco che non solo no 'l vendicava come vol la la giustisia le ofese fate ai altri, ma anzi con viltà vergognosa el ghe ne tolerava, senza darsene per inteso, de infinite fate a lu stesso; de modo che ognun, quando ghe saltava la stissa, el la sfogava con lu usandoghe insulti e vilanie. La signora, sentindo 'sta cossa, visto che no gera el caso de sperare vendeta, tanto de aver una qualche consolasion de quel sò afano, la se ga proposto de volere svergognare la poltronaria del deto re. E andà pianzendo davanti a lu, la ga dito: "Sior mio, mi no vegno a la tò presensa perchè gabia lusinga de aver vendeta de l'ingiuria che me xe stà fata, ma in compenso de quela, te prego che te m'insegni in che maniera te toleri quele che sento che i te fa a ti, perchè imparando da ti possa anca mi comportar pasientemente la mia, la qual ingiuria lo sa el Signore se mi, podendo, te la rinunsiaria volentiera, posto che te le toli in gropa cussì pulito".
El re, che fin alora gera stà cussì negligente e poltron, come se 'l se svegiasse dal sono, prinsipiando da l'afronto fato a 'sta signora, che xe stà da lu rigorosamente punìo, el xe deventà severissimo persecutor de tuti quei che da quel momento i avesse comessa qualunque cossa contro l'onore de la sò corona.
ibidem, pagg. 564-565

Dialett rustegh de Vicenza[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Ve contarò donca che tei timpi del primo re de Ziprio, daspò che Gontifredo de Bogion ga ciapà in guara i paisi onde xe nassùo el nostro Sagnore, xe intravegnesto che ona siora d'on canton de la Franza (Bascogna), xe 'ndà, ute pelegrina, a visitare el Santo Sepulcro; da onde vegnando indrio, comò la xe donta in Ziprio, zarti birbi de omeni ga usità par forza la pì burta azion de 'sto mondo. Ela, no podando de ziò darse pase, ghe xe vegnesto el pessiero de narse lumentare co re. Ma de la dente la ga infromà che no cadeva la spesa, parchè 'sto re el gera porpio un salgaro, che no solamentre no 'l fava giustizia dei desprisi ch'egnea usità ai altri, ma senza nomè arfiare, da carogna el mandava dò quii che, senza lumaro vegnea fati a elo medemo; cussita che agnon che gera cruzzià se arsfogava con elo, fasandoghe d'agno colore, e strapazzandolo comò un mulo. La siora, sentiendo 'sta cossa, e vedando de no poderse pì vendicare in gnessuna foda, per catare on po' de solevo a la sò afrizion, ghe xe vegnù inamente de pòndare 'sto poro gramo de re; e nà denanzighe, la ga parzipià dirghe: "Sior re, mi no so vegnesta qualmentre a la tò presinzia parchè te me vogi fare giustizia del desprisio che me xe stà usità; ma, per 'vere almanco 'na s'ginza de sodesfazion de quelo, te suprico che te m'insigni comòdo te fè a tor su senza storzirte quii desprisi ch'a go sentiesto che ti te rezievi; aziochè imparando da ti possa con pazinzia tore in gropa el mio, che sa el Signore quanto bolontiera te lo podaria, da che te ghè le spale cussita bone a portarlo".
El re, che finalmentre 'lora el parea indromenzà, squasi che 'l se desmissiasse dal sono, parzipiando col sarvire a ogio quii che ghea usità chela burta insolenza a 'sta siora, no 'l gh'in ha lassà pì passar una a gnessun che d'alora inanzi ghesse fato desprisio a l'anore de la sò corona.
ibidem, pagg. 565-566

Bibliografia[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Giulio Nazari, Dizionario vicentino-italiano e regole di grammatica ad uso delle scuole elementari di Vicenza, Oderzo, 1876.
  • Luigi Pajello, Dizionario vicentino-italiano e italiano-vicentino, Vicenza, 1896.

Vos correlaa[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Ligamm de foeura[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]