Dialett trevisan

De Wikipedia
(Rimandaa da Dialet trevisan)
Jump to navigation Jump to search
Lumbard ucidental Quest articol chì l'è scrivuu in lombard, grafia milanesa.

El dialett trevisan, o dialett venet center-settentrional l'è vun di dialett del venet, che'l vegn parlaa in de la Provincia de Trevis.

Diffusion e variant[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

Come emm giamò ditt, el trevisan l'è parlaa soratutt in de la Provincia de Trevis. El dialett de la città, ormai l'è ben vesin a quell Venezian, menter che in di campagn l'è pussee conservativ.
In venet l'è ciamaa trevixan destra Piave, che l'è on moeud de spiegà on poo mej indove che l'è parlaa. Menter che 'l trevixan sinistra Piave el gh'ha pussee influenz del Feltrin-Bellunes (el Venet settentrional a tucc i effett), quell chì inveci el ghe va dree al venet central e al Venezian. Voeuna di sò variant pussee important a l'è 'l dialett de Conegliano, anca se 'l se troeuva in de l'altra banda del fiumm rispett a Trevis.

Caratteristegh[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Al contrari del venezian, gh'è pussee paroll che finissen in /l/ e /r/:
    • ven. fradeło = trev. fradel.
    • ven. fero = trev. fer.
  • El gh'ha anca lù i vocai aton a la fin de squasi tucc i paroll:
    • ven. ponte = trev. ponte = bel. pont.
    • ven. toco = trev. toco = bel. toch.
  • La II e la III persona singolar di verb hinn istess precis:
    • ti te perde, lù el perde.
  • La I persona plural la finiss in -én:
    • ven. magnemo = trev. magnen.
  • Gh'è on quai cas de metafonesi:
    • el rocol = i rocui.
    • córar = ti te curi.
  • L'è presenta la L intervocalega, al contrari del venezian.
  • Despess la /ts/ la se pronuncia 'me ona /θ/, compagn de quell che 'l succed in la pupart di dialett venet settentrionai.
    • azion = [a'θjoŋ].
  • Inscì, la /dz/ despess l'è pronunciada 'me ona /ð/ o, ai volt, anca 'me ona /d/.

Esempi de dialett[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

Dialett de Asolo[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

V'hè donche da saver ch'al temp del prin re de Zipro, dopo che Gofredo de Bulgion al vea ciapà la Tera Santa, a l'é suzzedest che 'na siora de Guascogna l'è 'ndata par devozion al San Sepolcro. 'Ntel tornar indrio, co l'é stata a Zipro, do a tre figurate i l'ha maltratada. E ela, stufa e morta la s'ha trat a la disperazion e l'ha pensà de 'ndar dal par farse far giustizia. Ma carchedun ga dit che la varè fat al viazzo de bant, parché al re a l'era 'na lasagna, un bon da gnent, e che in in pé de giutar i altri a vindicarse, lù stess al le ciapea e le metea ìa quante che i ghe n'olea far. Che anzi, co i vea 'na qualche rabia contre de lù, i se vindichea liberamente come che fosse gnent. Quande che la siora l'ha sentist 'sto mistier, l'ha cognest perder la baldezza de vindicarse. Ma 'l bisogn che pur la vea al ga fat tant zinquantar, che l'ha catà fora la maniera de svergognar al re. La ciapa su donca e la va da lù a pianzand, e la ghe dis: “Che 'l sente, sior: mì no gene mio qua da lù co la baldezza d'esser vindicada del tort che i me ha fat; voj esser pagà e sodisfà co poch; me basta che lù al me insegne comodo che 'l fa lù a sufrir quele che sente a dir che i ghe fa tut al dì; parché la capiss che se podesse imparar 'sto sagreto, mi podarò lora sufrir la mea, che del resto ghe regalarè olontiera a lù, sior, che 'l le porta cussita ben.
Al re, che fin lora l'era stat an pegro e 'n lasagnon, el se ha como dessedù fora, e scominziado dal tort che i ghe vea fat a quela siora, al ghe l'ha fata pagar salada a tuti quei che dopo quela olta i ha olsà far de le insolenze.
Giovanni Papanti, I parlari italiani in Certaldo, 1875, pagg. 511-512

Dialett de Castelfranco[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

Se volè sentir da mi un fatarelo che se trova scartabelando le novele del Bocacio, stè atenti e no batì beco.
Ve dirò dunque che al tempo de un certo re de Cipro, che xe stà el primo che ga fato la conquista de Terasanta, ghe xe saltà in mente a una zentildona de Guascogna de andar in pelegrinagio al Santo Sepolcro. E, tornando da de là, arivada che la xe stà a Cipro, ga tocà de sofrir dei oltragi da certi birichini che ga fato violenza. Imaginè se la gera desperada: no la podea darse pase; finalmente la ga pensà de far el sò reclamo al re. Ma i ga dito che l'avaria butà via la lissia e 'l saon, perchè 'l gera tanto poltron, tanto da poco , che no 'l lassava sperar gnente de ben, e come no 'l savea vendicar i torti che ghe gera fati, tanto manco quei dei altri. Cussì, se qualchedun riceveva una malagrazia, el se vendicava col farghene a lù una de pezo. Sentindo 'ste cosse quela zentildona, che la volea a tuti i pati una sodisfazion, la s'ha messo in testa de provarse ben a scozzonarlo, per farlo svergognar de la sò poltronaria. E, cussì resoluta, la se ga presentà e, desfandose in lagreme, la ga dito: "Caro sior, no 'l staga minga a pensar che vegna da lù sperando giustizia dei torti che me xe stà fati. Oe! No son cussì intocalìa de suporlo capace de 'sta resoluzion. Son qua solamente a pregarlo che 'l me insegna come che 'l fa lù a sofrir le insolenze che i ghe fa ogni dì a piè e a cavalo, perchè possa imparar anca mi a sofrir le mie con rassegnazion. Che ghe zuro da dona d'onor che za che 'l ga cussì bone spale, voria petarghe su anca questa. Za, una in più, una manco, quanto a lù no ghe fa diferenza!"
'Ste parole le ga fato brezza: e quel re che fin alora se gera mostrà pigro e indiferente, finalmente el s'ha scosso come se 'l se svegiasse da un sogno che lo l'avesse tegnuo sbalordìo. E dopo castigai severamente quei insolenti che ga usà violenza a quella signora, da quel dì el s'è piantà con fermezza a reprimer qualunque ingiuria che qualche desgrazià se fosse permesso contro a l'onor de la sò corona.
ibidem, pagg. 512-513

Dialett de Conegliano[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

Digo adunque che quando che vivea el primo re de Sipro, quando che Gotifrè de Buglion al vea xa ciapà le Tere Sante, l'è venù che 'na zentildona de Guascogna la xe andada in pelegrinagio al Sepolcro. E tornando indrio e rivada a Sipro, la se ha imbatù in serta marmagia che ghe ha fat de le brute insolense. E dopo de 'verse lamentà tra ela sola, vedendo che no i la badea per gnessun conto, l'ha pensà de andar a far i sò recrami al re. Ma alcuni i ghe ha dito par strada che la perderie 'l temp e 'l fià de bando, perchè 'l re gera cossì pantalon e cossì bon da gnent, che no solamente no 'l vendichea le ingiurie che ghe vegnea fate ai altri, ma duro come un mus al ciolea su anca tute quele che i ghe fea a lù. Ansi, se qualchedun lo vesse vudo in ocio par qualche rason, i se sfoghea disendoghene sul viso de ogni generasion. Quela siora, co l'ha savù de la genia che 'l gera e l'ha capìo che xa no la podea sperar nessuna giustisia, par lassarsela passar a la megio, l'ha stabilìo de andar a farghe 'l cogionelo al re. E cossì la s'ha presentà pianzendo davanti de lù e l'ha dit 'ste parole: "Signor, mi no vegno a la tò presensa parchè te me fassa vendeta de le insolense che m'è stà fat, ma par refarme se no altro in qualche maniera, te pregherie de insegnarme come che te fé ti a ingiotirle cossì grosse sensa parlar, e cossì impararò anca mi a portar pasiensa. Ansi: lo sa el Signor quanto olentiera, se mi podesse, te meterie su le tò spale anca la mè part, xa che vedo che te sé tant brao da sgobar".
Quel re, che fin lora l'era stat un gran visdecasso, 'l s'è svegià fora e l'ha scominsià a far 'na gran giustisia de tute le insolense che i ghe vea fat a quela siora, e pò l'è deventà l'omo 'l pì rigoroso de 'sto mondo contro tuti quei che vesse vù coragio de far de le birbantade o contro de lù o contro l'onor del sò Stato.
ibidem, pagg. 513-514

Dialett de Montebelluna[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

Digo donca che 'ntei temp del prin re de Sipri, despò el conchist fat de la Tera Santa da Gotifrè de Bolgion, xe suzzedest che una zentil femena de Gascogna in prozession l'è 'ndata al Sepulcro. Da de là genendo indrio, in Sipri rivada, da do o tre canage de omeni con desprezz l'è stada desmolestada. De questo ela, scenza gnessuna consolazion lamentandose, ga pensà de andar a reclamar da l'arè; ma carchedun i ga disest che la fadiga sarae perdesta, persiò che lù gera de cussì renegada vita e de cussì puoch ben, che no basta che lù i dispiazeri dei altri con giustizia el punisesse; anzi tante, con gran desbiasemo e desprezz che i fea a lù, al le sostegnea: intant che gniun fussesse alteredà, lù col farghe dispet o desbiasemo se sfoghea. Co l'ha sentest cussì 'sta femena, desperada de la vendicasion, a gnessuna consolasion de la sò stufa, l'ha proponest de oler mòrdar la meseria de l'arè; e andata pianzendo danansi a lù, l'ha dit: "Sior meo, mi no egne intela tò presensia per vendeta che mi spete de la insolensa che i m'ha fat; ma in sodesfasion de chela, te preghe che te me insegnasse comodo ti te sofri chele che mi intende che i te gabia fat; assiò che da ti imparando mi puosse con pasensia la mea sofrir, la qual la sa el Segnor, se mi lo podesse far, volantiera te donarae, parchè cussita bon portador tu siè".
Al arè, infin l'ora stat tardìo e pegro, squasi desmessedà dal sono, scomensiado da la insolensa che i ghe vea fat a 'sta femena, l'è deventà un catìu persecudor de tuti che, incontra a l'onor de la sò corona, carcossa i fesse da despò chela olta.
ibidem, pag. 514

Dialett de Trevis[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

Digo donca che nei tempi del primo re de Cipro, dopo che xe stà ciapà la Tera Santa da Gofredo de Buglion, xe sucesso che una zentildona de Guascogna, andando in pelegrinagio al Sepolcro, e da là tornando indrio e arivada a Cipro, la xe stada da diversi omeni birbi vilanamente insultada. Per la qual cosa ela, quasi desperada lagnandose, pensò de andar a farse far giustizia dal re. Ma ghe xe stà dito da qualchedun che no la faria che pèrdar el tempo, perchè lu gera una baraca e cossita da poco de bon, che non solo no vendicava i afronti ricevudi dai altri, ma moltissimi, co sò desonor e vergogna, a lù fati sofriva; de maniera che qualunque fosse ingrintà co lù, el se podea vendicar co l'usarghene una per sorte. La qual cosa sentindo la dona, desperada per no poderse vendicar, pur de vegnerghe fora in qualche modo col sò tornaconto, la s'ha imaginà de morsegar la balordagine del deto re; e, andada pianzendo davanti a lù, la ga dito: "Lustrissimo signor, mi no te vegno davanti par esser resarcida de la baronada che me xe stada fata; ma pur de aver qualche conforto, te prego de insegnarme 'l modo col qual ti te xe capace de comportar quele che te vien praticae, perchè anca mi possa imparar a sofrir con pazienza la mia. De la qual cosa lo sa messer Domenedio, se far lo podesse, quanto volentiera te ne faria un presente, savendo quanto valente comportador te sì".
El re, fina alora stato tardo e pegro, quasi dal sono se svegiasse, cominciando da la baronada fata a 'sta dona (la qual in modo straordinario vendicò), rigidissimo persecutor deventò de tuti quei che contra l'onor de la sò corona qualunque cosa commetesse d'alora in poi.
ibidem, pagg. 515-516

Vos correlaa[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]