Dì del Regòrd

De Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
Lumbard ucidental Quest articol chì l'è scrivuu in lombard, grafia milanesa.

El Dì del Regòrd (Italian: Giorno del Ricordo) l'è celebraa in Italia ògni 10 febrar, in memòria di mòrt italian in di fòib del Cars e de tutt quei persònn che gh'hann avuu de scappà de la Venezia Giulia e de la Dalmazia per l'occupazion jugoslava.

L'è staa istituii del segond governo Berlusconi con la legg 92 del 30 marz del 2004, che la conced anca on reconossiment ai parent di infoibaa.

El test de la legg[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

In del test de la legg pòden vess trovaa i reson de l'istituzion:

(LMO)
« La Repubblica la reconoss el 10 febrar come "Dì del Regòrd" per conservà e rennovà la memòria de la tragedia di Italian e de tutt i vittimm di fòib, de l'esod di sò terr di Istrian, Fiuman e Dalmata dòpo la Segonda Guerra Mondial e de la quistion pussee complicada del confin oriental. In quell dì chì [...] hinn previst iniziativ per diffond la conoscenza di quei fatt tragich in di scoeur de ògni ordin e grad. L'è favorida anca, de part de istituzion ed ent, la realizzazion de studi, convegn e dibattit in moeud de conservà la memòria de quei fatt. 'Sti iniziativ hinn, inoltra, dedicaa fà varì el patrimòni coltural, stòrich, letterari e artistich di Italian de l'Istria, de Fiumm e di còst dalmata, in particolar cont el dàgh importanza al contribuu sò de lor, in di ann passaa e in quei de adess, al svilupp social e coltural del territòri de la còsta nòrd-oriental de l'Adriatich, oltra che a preservà i tradizion di comunità istrian-dalmata che se troeuven in sul territòri nazional, ma anca foeura. »
(IT)
« La Repubblica riconosce il 10 febbraio quale "Giorno del ricordo" al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale. Nella giornata [...] sono previste iniziative per diffondere la conoscenza dei tragici eventi presso i giovani delle scuole di ogni ordine e grado. È altresì favorita, da parte di istituzioni ed enti, la realizzazione di studi, convegni, incontri e dibattiti in modo da conservare la memoria di quelle vicende. Tali iniziative sono, inoltre, volte a valorizzare il patrimonio culturale, storico, letterario e artistico degli italiani dell'Istria, di Fiume e delle coste dalmate, in particolare ponendo in rilievo il contributo degli stessi, negli anni trascorsi e negli anni presenti, allo sviluppo sociale e culturale del territorio della costa nord-orientale adriatica ed altresì a preservare le tradizioni delle comunità istriano-dalmate residenti nel territorio nazionale e all'estero. »

Riferiment[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Vos correlaa[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]