Ciciarada:Lombàrt orientàl

De Wikipedia
Va a: navegá, truvá

Cuntrulì[mudìfica 'l sorgènt]

Per piazér, dìga 'n öciàda a chèl che g'hó scriìt e se nesesàre curigì. Suratöt dìga 'n öcc ai ezèmpé 'n milanés, ma apò a töt el rèst.

Gràsie

-- Ninonino 08:01, 25 set 2008 (UTC)

Ghe saria de dì che una quaj volta la "v" intervucaliga la burla giò anca in lumbard ucidental, anca se sun minga sicür per tücc i sò variant. Mì per esempi disi: laurà, guern, truà, e alter che adess me vegnen minga in la ment --Insübrich 15:07, 26 set 2008 (UTC)

Cartina linguistica[mudìfica 'l sorgènt]

Scusate bagaj se scrivo in italiano.

Qualcuno potrebbe fare una cartina del lombardo orientale da mettere nel "Commons" per gli articoli in altre lingue? (La cartina dell'emiliano-romagnolo offre un buon modello bi-colore).

Secondo me, questa cartina dovrebbe indicare bergamasco, bresciano e cremasco (Terra di San Marco) in un colore e cremonese, valtellinese orientale (Teglio, ecc.) e trentino sudoccitale in un altro, in quanto penso che sia vero quello che dice Andrea Rognoni in Grammatica dei dialetti della Lombardia:

Wikiquote-logo.svg
«Una differenza sostanziale tra la Lombardia occidentale e la Lombardia orientale è data anche dal fatto che mentre a oriente non è riuscito ad agire linguisticamente un polo accentratore [aggiungo: di lingua lombarda], a occidente lo sviluppo e la fortuna letteraria di Milano hanno contaminato moltissimo, condizionando dall'esterno sia le parlate ... Un'influenza, seppur blanda, del milanese si è fatta sentire, a est dell'Adda, solo nella zona di Treviglio [Stato di Milano] e dell'Isola (Bassa Bergamasca), nonché nel cremasco [? Ma era della Serenissima] e nel cremonese più occidentale [Rivolta e Pandino].»

Rognoni non parla esplicitamente dell'appartenenza a due Stati diversi - Milano e Venezia - ma forse Glauco Sanga ha scritto qualcosa di più preciso su questo: cioè, nella Serenissima non si sentiva l'influenza di Milano e quindi i dialetti locali hanno potuto svilupparsi seguendo la propria indole; in pratica, quei tratti che noi attribuiamo direttamente ad Orombovii, Cenomeni, ecc., sono invece sviluppi più recenti, anche se ovviamente non sono partiti da niente, cf. l'aspirazione, ecc.

L'influenza degli Stati è molto evidente nei numeri: "cinch" a Treì (Treviglio) e "sich" a Arsen (Arcene): per pagare le tasse allo Stato di Milano si contava in milanese, mentre la Serenissima, più autonomistica, faceva passare attraverso Bèrghem.

Ovviamente il mantovano va lasciato fuori in quanto viene classificato - a torto o a ragione - come emiliano.--

L'e giust el me ragionament?--LombardBeige 09:39, 26 Mag 2010 (UTC)

Rivolta e Pandino, secondo me sono più "lodigiano" che "cremasco". Lo sosteneva anche Biondelli. Di Cremona ne abbiamo recentemente discusso e abbiamo deciso di metterla nell'occidentale, anche se le fonti non sono chiare. --Grifter72 09:45, 26 Mag 2010 (UTC)
Ciau LombardBeige, adess ghe pruaruu a met insema na carta lenguistega. Ghe vör un bel puu de pasciensa. Ociu però che el Valtelines l'è lumbard püssee uriental che ucidental, in sü l'oltra banda de l'Ada, sia a urient che a ucident. Te salüdi,