Sebenico

De Wikipedia
Va a: navegá, truvá
Lumbard ucidental Quest articol chì l'è scritt in milanes, ortografia classega.
La gesa de San Giacom, el domm de la città

Sebenico (in Italian; Šibenik in croatt; Shibeniku in albanes; Sibennig in todesch storegh; Sebenicum in latin) l'è ona città de la Croazia che la gh'ha 46.372 abitant

Geografia[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

I cascad de la Cherca

Sebenico la se troeuva in sù la costa de la Dalmazia, a sud-est de Zara e nord-ovest de Spalato, e a l'è 'l capploeugh (oltra che la città pussee popolada) de la region de Sebenico e Tenin. Sebenico l'è denter a on golf proppi stregg, e la gh'ha denanz l'isola de Slarino (Zlarin in croatt). In de la campagna là arent el se troeuva el Parch Nazional de la Cherca (el fiumm che 'l traversa Sebenico; in croatt Krka), pien de cascad proppi bei.

Storia[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

La città l'è partegnuda al Regn d'Ungheria fina al 1322, quand che l'è passada ai Venezian, e inscì l'è staa fina al 1797. I Ungheres hinn tornaa domà tra el 1358 e 'l 1412. Dopo el Trattaa de Campoformio l'è finida in di man austriegh (e in di Provincc Illiregh de la Francia napoleonega in del period 1805-1813). A partì del 1867, quand che l'è nassuda l'Austria-Ungheria, l'è passada sotta la corona ungheresa. In del 1918 l'è vegnuda jugoslava e, del 1991, croatta.

I Italian hann desmettuu de vess la maggioranza de la città duranta el XIX secol: se al princippi eren anmò la pupart, a la fin eren domà el 20%. Dopo de la Segonda Guerra Mondial i ultem italian se n'hinn andaa via quasi tucc. A Sebenico l'è nassuu in del 1802 el scrittor Niccolò Tommaseo, autor de on dizionari italian e de tant romanz.

Esempi del dialett venezian de Sebenico[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

Digo dunque che ai tempi del primo re de Zipro, dopo che Gofredo de Buglion gaveva conquistà Tera Santa, xe nato che una gran signora de Guascogna xe andada in pelegrinagio al Santo Sepolcro e, tornando da de là, la xe arivada a Zipro, dove certi perfidi canaje l'ha insultada in una maniera assai bruta. Quela povera signora, tocada nel vivo, non la ghe podeva più da la rabia, e la s'ha pensà d'andarse a lagnar dal re. Ma i ga dito che 'l saria tempo perso perché 'l re jera tanto un trascurà e un bon da gnente, che no solo no 'l castigava le ofese dei altri, ma gnanca le propie; come un scempio 'l se le toleva su tute che jera propio una vergogna, tanto che se qualchedun gaveva uno sul naso, el se sfogava col farghene de le bele. Sentindo questo la signora, e vedendo che non ghe jera speranza de poderse vendicar, per consolarse in qualche modo la ga deziso de pizigarlo, 'sto ridicolo de re. Pianzendo la xe andada dunque da lu e ga dito: "Mio signor, vegno da ela no perché me aspeti che la me faza giustizia de l'ofesa che ho rizevudo, ma per pregarla che la me faza 'l piazer d'insegnarme come la fa ela a sorbirse in santa pase quele ch'ogni giorno, per quel che i dixe, ghe vien usae; cussì impararò anca mi a soportar con pazienza la mia; e Iddio sa! se podessi con che voja che ghe la regalarìa, a ela, che ga tanto bon stomego".
El re, che jera prima prima un zoco, a la gin ga 'verto i oci: el ghe l'ha fata pagar salada a quei ch'aveva insultado la signora, e da quel momento el s'ha messo i mustaci e l'ha scominzià a darghe adosso senza remission a quanti non rispetava l'onor de la sua corona.
Giovanni Papanti, I parlari italiani in Certaldo, 1875, pagg. 606-607

Gemellagg[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]