Dialett de Pordenon

De Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
Lumbard ucidental Quest articol chì l'è scrivuu in lombard, grafia milanesa.

El Pordenones l'è on dialett de la lengua veneta parlaa in de la città forlana de Pordenon.
L'è ona specie de isola lenguistega, perchè tutt intorna a Pordenon se parla anmò el Forlan (anca se cont ona quai transizion cont el Venezian). Besogna dì che però anch el dialett pordenones vegg a l'era forlan; ma quand la città l'è cressuda e l'è vegnuda pussee importanta, anca el Venezian el s'è spantegaa in la città (soratutt tra i sciori). In del Vottcent el scior Giovanni Papanti, in del liber Parlari italiani in Certaldo (1875) el faseva vedè che gh'era almanch trii variant de pordenones:

  • Quell del contad, on dialett de transizion tra Venezian e Forlan;
  • Quell de la borghesia, che in fond a l'è 'l Venezian.
  • Quell di artesan, che l'è on poo quell che l'esista anca al dì d'incoeu.

Esempi de lengua del Vottcent[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Dialett "alt"[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Digo dunque che al tempo del primo re de Sipro, dopo guadagnada la Tera Santa da Gofredo de Buglion, xé sussesso che una zentildona de Guascogna la xe andada in pelegrinagio al Santo Sepolcro e, de ritorno, arivada in Sipro, da serti birbantoni la xe stada vilanamente svergognada; e de 'sto caso sentindo gran dispiaser senza nissuna consolasion, la ga risolto de andar a farghene querela al re; ma ghe xe stà dito da qualchedun che l'anderia a pestar aqua int un morter, perchè lu 'l gera roto de costumi e inclinà tanto poco al ben, che no basta che no 'l castigasse, come che 'l doveva, per el giusto le insolense dei altri; ma el gaveva bone spale per portarghene lù d'ogni sorta che i gavesse fato, anche quele da fesa; de maniera che chiunque gavesse avudo un bruseghin con lù, el podeva sfogarse col farghe le più brute vilanie. Capindo la dona 'sta cossa, e che lù no 'l gavaria vendicà la malagrasia che la gaveva risevudo, per trovar qualche conforto a la sò aflision, la s'ha messo in testa de punzer sul vivo la poltroneria de 'sto re; e, andada pianzendo davanti a lù, la ga dito: "Sior mio, mì no vegno qua davanti a vù per vederme vendicada de l'insolensa che m'è stada fata, ma per pagarme apunto de questa, ve prego de insegnarme come che fè vù a sostener quele che, come i me dixe, risevè, perchè possa anche mì imparar da vù a soportar con pasiensa la mia; la qual, Dio lo sa, se mì podesse, buteria volentieri su le vostre spale, savendo che vù sè uso a soportar tuto de bon stomego".
El re, che fin alora el pareva indurìo ne la pigrisia, svejandose come dal sono, l'ha scominsià de l'insolensa fata a 'sta dona e, vendicada con rigor, a diventar severo coi castighi sora tuti quei che dal quel momento gavesse comesso qualche cossa contro l'onor de la sò corona.
Giovanni Papanti, Parlari italiani in Certaldo, pagg. 523-524

Dialett di paisan[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Digo dunque che al timp del prim re de Sipro, dopo guadagnada la Tiara Santa da Gofreid de Buglion, l'è sussedut che una zentildona de Guascogna la è andada pelegrinand al Santo Sepolcro, e int el tornà indrio, arivada a Sipro, da serte galere de omis la è stada vilanamente maltratada; e de 'sta roba sentind gran dispiaser senza nissuna consolazion, l'ha pensat d'andà dal re a fàghe una querela; ma gh'è stat dit che la faress un bus inte l'aga, perchè lui l'era rot de costumi e tant puoch l'amava el ben, che no basta che no 'l castiass con giustizia le cativerie fate ai altri, ma el veva bone spale per portàghin ancia lui d'ogni qualità che i gavess fat, ancia de chele de fachins. De modo che chi avess avut una smara con lui, el podeva sbrocàsse col fàghe disonour e vilanada. Sentind la siora 'sta roba, disperada che 'l re no 'l varess volut vendicàla, per trovà qualche confuart al sò dolour l'ha pensat de muarde la pegrizia de 'sto re; e, andada pianzind davant de lui, la ga dit: "Sior meo, mì no vegne cà davanti a lui per aspetàme che voi me vendichede de la briconada che i m'ha fat, ma per sodisfàme de chista, ve pree de insegnàme come che feit voi a patì chele che, come i me dis, i ve fa, perchè puesse ancia mì amparà a portà pazienza su la mea; la qual, Dio sa, se mì podess, ve donerave volentiera, de zà che porteit tut de bon stome".
El re, che l'era stat fin chela vuolta dur e pegro, squasin sveat dal sun, prinsipiand da la malagrazia fata a chista zentildona, e che lui l'ha castigat con gran rigor, l'è deventat tut altre da chel de prima, e 'l castigava con fuarza ognun, da alora in avant, che 'l cometesse qualunque cossa contro l'onour de la sò corona.
ibidem, pagg. 524-525

Dialett di artesan[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Gavè dunque da saver che al tempo del primo re de Sipri, e dopo che la Tera Santa la gera stada ciapada da Gottifrè de Buglione, xe nato el caso che una zentildona de Guascona xe andada in pelegrinazo al Sepolcro, da dove tornando indrio, co la xe rivada a Sipri, la xe stada insultada da dei birbanti int un modo vilan. Vedendo la zentildona che de 'sta storia l'andava via lagnandose sensa poder trovar un fià de conforto, la ga pensà de andar dal re a portarghe le sò rason; ma ghe xe stà dito da qualchedun che la gavarave butà via la fatiga de bando, parchè 'l re 'l gera un tal pandolat e un tal bon da gnent, che no solamente no 'l vendicava con giustisia le ofese dei altri, ma che ansi el se tegniva quela strage de afronti che i ghe faseva a lu con 'na viltà schifosa; demodochè tuti quei che gaveva rusa con lù, i se sfogava col farghe qualche insulto o qualche desonor. Sentindo 'sta roba la femena, e avendo perduda la speransa de poderse vendicar, la ga stabilìo, par aver un poca de consolasion inte la sò malora, de tor via el re par 'sta sò debolessa; e, andada pianzendo davanti de lù, la ghe ha dito: "Sior, mì no vegno a la tò presensa par aver vendeta de l'ofesa che me xe stada fata, ma invese te prego che te me insegni come che te fa tì a sufrir le ofese che sento a dir che i te fa, parchè cussì, imparando da tì, possa con pasiensa soportar la mè ofesa, che se lo podesse far, Dio lo sa ben, te la donarave volentieri a tì, zà che te sé cussì brao da tegnirtele le ofese".
El re, che fin alora el gera stà un duron e un pigron, come se in quel momento el se gavesse dismissià, scuminsiando da l'insulto fato a 'sta dona, che 'l lo ga fato costar salà, el xe deventà un fiero persecutor de qualunque che de alora in seguito gavesse fato qualche cossa contro l'onor de la sò corona.
ibidem, pagg. 525-526

Vos correlaa[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]

Ligamm de foeura[Modifega | mudìfica 'l sorgènt]