Faceva il palo

De Wikipedia
Va a: navegá, truvá
Vedrína
Vedrina
Quest articol chì l'è assee ben faa Vedrina
Chest artícol a l'è scricc in Lumbàrt Orientàl, ortograféa ünificàda Lombard oriental


Faceva il palo l’è öna cansù cantàda dal Enzo Jannacci che l'è egnìda fò per la prìma ólta cóme sìngol ol 6 de mas del 1966 e 'l B side l'éra E savè.
Söbet dòpo se la tróa ach in del album ciamàt Sei minuti all'alba (6 menücc a la dé) egnìt fò 'l 16 de löi de l'istès an e pò amò in del album del setèmber del 1972 intitulàt Jannacci Enzo. Ön'ótra versiù la se tróa pò 'n del album Quando un musicista ride del 1998.

I paròle, ‘mpó ‘n Milanés e ‘mpó ‘n Italià, i è stàcie scrìcie dal Walter Valdi. Pò 'l Nanni Svampa 'l l'à cantàda, de fati se la tróa in del sò album Milanese - Antologia della canzone lombarda nömer 8 - Il cabaret del 1973 e pò amò ach ol Valdi l'à cantàda in Così per sport del noèmber del 1974. I è chèste i prìme ólte che la cansù la é registràda isé come l'è nasìda, dezà che 'l Valdi 'l l'à scrìcia e 'l la cànta quàze töta in milanés, menimà chèla cantàda dal Jannacci l'è quàze töta in italià e ghe rèsta póch de milanés.
Fò sùra ach la müzica di dò cansù l'è diferènta, dezà che 'n chèla cantàda dal Jannacci la müzìca l'è del Jannacci, menimà in chèla cantàda dal Valdi la müzica l'è de la pianìsta Jaqueline Perrotin [1].

La cansù l’è öna cansù de grignà che la cónta sö la stòria del pal del la Banda de l'Urtìga, quartér tra Lambràt e 'l parch Furlanini, ü pal che 'l ghe edìa negóta e che ghe sentìa de méno amò, isé töta la bànda l’è stàcia ciapàda da i Caramba sóta ‘l sò nas sènsa che lü 'l se ‘ncorzès de negót, ànse l’è restàt lé a spetài e l’ se lamentàa:

Ah, nò, quest chì l'è proppi on lavorà de ciolla
mì sont on palo, minga on pippa, a ghe stoo pù
mì vegni foeura de la banda de l'Ortiga,
in d'ona banda inscì scassada cosa foo?

Mì vegni foeura de la Banda de l'Ortiga
mi metto in proprio inscì almen ghe pensi pù

I paròle[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

La versiù del Valdi[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

Faceva il palo nella banda de l'Ortiga,
ma l'era sguercc, el ghe vedeva quasi pù,
e l'è staa inscì che j'hann ciappaa senza fadiga,
j'hann ciappaa tucc, ma proppi tucc, foeura che lù.

Era lì fisso che scrutava nella notte
quand gh'è passaa proppi davant a lù 'n polee,
insemma a on ghisa, trii cariba e on metronotte,
gnanca ona piega lù l'ha faa, gnanca on plissee.

Faceva il palo nella banda de l'Ortiga,
faceva il palo perchè l'era el sò mestee.

Istess precis compagn de quei de la Mascherpa
hinn restaa lì i sò amis, in del vedè i polee.
Hann dii: "Ma come! Brutta loeuggia, vacca porca
ma el noster palo, 'sto pistola, indove l'è?"

Era lì fisso che scrutava nella notte
l'ha vist nagotta ma in compens l'ha sentuu nient
perché vederci non vedeva un'autobotte,
ma per sentirci ghe sentiva on accident!

Faceva il palo nella banda de l'Ortiga
faceva il palo con passione e sentiment.

Ci sono stati pugni, spari, grida e botte,
j'hann menaa via che l'era già quasi mezzdì
lui sempre fisso lì a scrutare nella notte
el ghe vedeva istess de nott comè del dì.

Ancora adesso è lì che scruta nella via
la gent le ved, ghe da on cent lira e poeu la va,
lui, circospetto, el varda in gir e poeu je mett via,
ma poeu el barbotta perchè ormai l'è on poo incazzaa.

A l'è incazzaa con tutt la banda de l'Ortiga
perchè lù el dis che se fa minga inscì a robbà.

El dis: "Ma come! A mì me lassen chì de foeura
e lor, le sa el Signor quand l'è che vegnen su,
e poeu el bottino me le porten su a cent lira
on tocch per volta, a fà inscì finissom pù!

Ah, nò, quest chì l'è proppi on lavorà de ciolla
mì sont on palo, minga on pippa, a ghe stoo pù
mì vegni foeura de la banda de l'Ortiga,
in d'ona banda inscì scassada cosa foo?

Mì vegni foeura de la Banda de l'Ortiga
mi metto in proprio inscì almen ghe pensi pù!"

La versiù del Jannacci[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

Faceva il palo nella banda dell'Ortica,
ma l’era sguercio, non ci vedeva quasi più,
ed è stato così che li han presi tutti senza fatica,
li han presi tutti, tutti tutti tutti, fuori che lui.

Lui era fisso che scrutava nella notte
quand'è passato davanti a lui un carabinier,
insomma on ghisa, trii carriba e on metronotte,
gnanca una piega lù l'ha fà, gnanca un plissé.

Faceva il palo della banda dell'Ortiga,
faceva il palo perchè l'era el sò mestee.

Così precisi come quelli della Mascherpa,
sono restati lì i suoi amici, a vedere i carabinier,
han detto: «Ma come, porco Giuda,
mondo cane: il nostro palo, brutta bestia, ma dov'è?».
Lui era fisso che scrutava nella notte,
ha visto nulla, ma in compens l'ha sentii nient,
perché a vederci non vedeva un'autobotte
però a sentirci ghe sentiva on accident.
Faceva il palo della banda dell'Ortiga,
faceva il palo perché l'era el sò mestee

Ci sono stati pugni, spari, grida e botte,
j'hann menaa via che l'era giamò quasi mezzdì.
Lui sempre fisso, lì, a scrutare nella notte,
perchè el ghe vedeva istess de nòtt come ‘n del dì

Ed è li ancora come un palo nella via,
la gente guarda, gli dà cento lire e poi, poi va
lui, circospetto, guarda in giro e mette via,
ma poi borbotta, perché ormai l'è un po' arrabbia.

Ed è arrabbiato con la banda dell'Ortica
perché lui dice: «Non si fa così a rubar».

Dice: « Ma come, a me mi lascian qui di fuori
e loro, loro chissà quand'è che vengon su;
e poi il bottino me lo portano su a cento lire:
un po' per volta, ma a far così non finiamo più.

Nò, nò, quest chì è pròppi on lavorà de stupid,
io sono un palo, non un bamba, non ci sto più;
io vengo via da questa banda di pistola,
mi metto in proprio, così non ci penso più ».
Faceva il palo della banda dell'Ortiga,
faceva il palo perché l'era el sò mestee.

Ótre cansù del Jannacci[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

L'Armando del 1964
Vengo anch'io. No, tu no e Giovanni telegrafista del 1968
Ho visto un re e Bobo Merenda del 1968

Riferimèncc[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

  1. Istituto centrale per i beni sonori e audiovisivi

I vìdeo[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]