Arlechì

De Wikipedia
Va a: navegá, truvá
Lumbaart ucidentaal Cheest artícul al è scrivüü in Bergamàsc, urtugrafìa del Dücat semplificada.
L'Arlechì

L'Arlechì (italià: Arlecchino) a l'è 'na màschera bergamasca, tra i piö ‘mportante de la comédia de l'art, cognusida in töt ol mónt per ol sò estìt facc de tòpe e pèse de töcc i culùr.

In de la contrada de Onéta, in cümù de San Gioàn Biànch, gh’è la cà ‘ndó che l’è nasìt l’Arlechì. (UTC)

Bibliugrafia[Mudifega | mudìfica 'l sorgènt]

  • Siru Ferrone. Arlecchino rapito. Sulla drammaturgia italiana all'inizio del Seicento, in Studi di Filologia e Critica offerti dagli allievi a Lanfranco Caretti, Ruma, Salerno ed., 1985, vol. l, pp. 319-53.
  • Siru Ferrone. Arlecchino. Vita e avventure di Tristano Martinelli attore. Laterza ed., Bari, 2006.
  • Dario Fo [1987] Manuale minimo dell’attore. Prima edislù Türin 1987, Secunda edisiù 1997.
  • Delia Gambelli. "Quasi un recamo di concertate pezzette": le composizioni sul comico dell'Arlecchino Biancolelli, in Biblioteca Teatrale, 1, 1971, pp. 47-95
  • Delia Gambelli. Arlecchino: dalla "preistoria" al Biancolelli, in Biblioteca Teatrale, 5, 1972, pp. 17-68
  • Fausto Nicolini. Vita di Arlecchino, Ricciardi, Napuli, 1958
  • Allardyce Nicoll . Il mondo di Arlecchino. Guida alla Commedia dell'Arte, Bompiani, Milan 1980 (ed. uriginal: The World of Arlequin. A critical study of the Commedia dell'Arte, Cambridge University Press, 1963)
  • Ludovico Zorzi, La maschera di Arlecchino, in ID., L'attore, la commedia, il drammaturgo, Türin, Einaudi, 1990, pp. 154-166